La conferenza stampa di Boccia iniziata con la mascherina della discordia con la regione Lombardia

di Redazione | 21/03/2020

Francesco Boccia
  • Il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia si è presentato in conferenza stampa con la mascherina

  • Lo stesso presidio sanitario era stato criticato dalla regione Lombardia

  • Il siparietto con Angelo Borrelli prima di iniziare il suo intervento

Uno scambio di battute quasi off the records, dal momento che la conferenza straordinaria delle 19.45 della Protezione Civile insieme al ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia non era ancora iniziata davvero, tanto che i microfoni del tavolo della presidenza erano ancora spenti. Tuttavia, le immagini sono eloquenti: il ministro si è presentato in conferenza stampa con una mascherina all’orecchio, una di quelle che erano state inviate dalla Protezione Civile alla Lombardia e che erano state molto criticate dal presidente Attilio Fontana e dall’assessore al Welfare Giulio Gallera.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, l’indagine sulle mascherine: lo sciacallaggio dilaga sul web 

Francesco Boccia, la scena della mascherina in conferenza stampa

Francesco Boccia ha «indossato» la mascherina facendola reggere penzoloni a un orecchio e presentandosi così in conferenza stampa. A chi gli ha chiesto un accenno di spiegazione, ha risposto: «Questa è la mascherina che utilizziamo». Successivamente, si percepisce anche la frase «per noi che non siamo in ospedale». Probabile che il ministro abbia voluto far riferimento al fatto che questo tipo di mascherina, al momento, può essere impiegata per uso quotidiano, anche se non è un vero e proprio presidio sanitario. E, dunque, per esigenze della popolazione può essere comunque considerata uno strumento protettivo.

Qualche giorno fa, il presidente della regione Lombardia aveva criticato la mascherina che era stata inviata dalla Protezione Civile, dal momento che era stata distribuita anche negli ospedali. Era stata definita come una sorta di panno Swiffer, non conforme alle regole dell’Unione Europea e, dunque, non utilizzabile all’interno delle strutture sanitarie. Probabile che il gesto di Boccia sia stato una frecciatina nei confronti delle polemiche dei giorni scorsi, fatto sta che – successivamente alle prime fasi della conferenza – il ministro ha tolto la mascherina e ha proseguito regolarmente il suo intervento, non tornando più sulla polemica.