Briatore vuole che l’Europa stampi 2,5 triliardi di euro per salvarsi

di Redazione | 19/03/2020

Flavio Briatore
  • L'intervento di Flavio Briatore a Stasera Italia

  • L'imprenditore vorrebbe far stampare all'Europa 2,5 triliardi di euro

  • Una cifra che non riusciamo nemmeno a immaginare nell'ordine di grandezza

Un triliardo equivale a mille miliardi di miliardi. Dunque, quando Flavio Briatore – intervistato da Stasera Italia – dice che l’Europa per salvarsi deve stampare 2,5 triliardi di euro, vuole dire – a meno che non si sia confuso con l’ordine di grandezza – che le banconote in circolo dovrebbero diventare, all’improvviso, 2500 miliardi di miliardi. Una cifra così grande (siamo nell’ordine di 10 alla 21ma) che non riusciamo nemmeno a concepirla.

LEGGI ANCHE > Flavio Briatore pronto a entrare in un governo Salvini

Flavio Briatore e i 2,5 triliardi di dollari per salvare l’Europa

Ma che riuscirebbero a far andare in crisi anche i massimi esperti di economia mondiale. Immettere nel mercato una cifra del genere, infatti, significherebbe immettere nel sistema economico più di quello che alcune stime hanno indicato essere la cifra di denaro presente al momento sul pianeta, ovvero 40mila miliardi di dollari (40 bilioni di dollari, nell’ordine di 10 alla 12esima). Ovviamente, si sta parlando di grandezze liquide e non di grandezze teoriche, legate a investimenti e a movimenti globali in borsa. Ma visto che Briatore ha parlato di liquidità, dobbiamo immaginare che il discorso fatto sia questo.

Secondo l’imprenditore, con questa epidemia da coronavirus è l’idea stessa di Europa a essere fallita. Nel corso del suo intervento a Stasera Italia ha anche apostrofato con un aggettivo non proprio diplomatico la cancelliera tedesca Angela Merkel. Ovviamente, quella di Briatore sui 2,5 triliardi di euro suona come una provocazione, dal momento che una misura del genere non sarebbe economicamente sostenibile per i mercati. Tuttavia Briatore sostiene che se l’Europa non riuscisse a prendere una misura del genere, tanto varrebbe per l’Italia uscire come la Gran Bretagna, chiudere i confini e tornare alla vecchia lira.