Feltri dice che stuprare una donna fa schifo e «comporta una fatica bestiale»

di Enzo Boldi | 11/02/2020

Feltri stupro donne
  • Ennesimo post social controverso del direttore di Libero

  • Nella stessa frase dice, giustamente, che lo stupro fa schifo

  • Poi parla della "fatica bestiale" provata da chi commette violenza sessuale

Si poteva fermare a un giudizio legittimo, dovuto e sacrosanto: lo stupro fa schifo. Invece Vittorio Feltri non si limita a questa valutazione sulle violenze sessuali nei confronti delle donne e ha dovuto scrivere un’aggiunta che non ha nulla a che fare con il dolore che provoca una molestia fisica (ma anche psicologica). E con un tweet, per fare polemica con David Parenzo, ha deciso di portare avanti il tema della ‘fatica bestiale’. E in molti, sui social, hanno dato ragione al direttore di Libero sul tema Feltri stupro donne.

LEGGI ANCHE > Vittorio Feltri ‘difende’ l’odio: «È il motore del mondo»

Il riferimento è a una dichiarazione fatta da David Parenzo che è stata decontestualizzata: il giornalista, infatti, ha detto che stuprare una donna è molto facile. Non solo in Italia, ma in tutto il mondo. E non si parla del concetto fisico dell’atto, ma di tutto quel che accade a una donna indifesa nelle mani di un uomo senza scrupoli che compie su di lei una violenza sessuale. Non si tratta di un’invenzione, ma di storie che, purtroppo, ritroviamo quotidianamente sulle pagine di cronaca. Ma Vittorio Feltri ha fatto polemica anche su questo

Feltri stupro donne e la ‘fatica bestiale’

«Io sostengo che stuprare una donna sia uno schifo che comporta una fatica bestiale – ha scritto il direttore di Libero su Twitter -, mentre Parenzo dice che si fa facilmente. Chi ha ragione?». Una domanda priva di senso. Ma ha ancor meno razionalità quell’inciso sulla ‘fatica bestiale’ che comporta l’atto di perpetrare uno stupro. Come se fosse questa una delle ragioni in grado di fermare un malintenzionato prima di commettere una violenza sessuale.

La polemica contro Parenzo

So tratta dell’ennesima presa di posizione controversa presa dal direttore di Libero. Un inciso privo di qualsiasi significato solamente per aizzare la polemica a distanza con David Parenzo, una delle persone più dileggiate da lui sui suoi profili sociale e in qualche editoriale ‘giornalistico’

(foto di copertina: da L’Aria che Tira, La7 + tweet di Vittorio Feltri)