Feltri prende in giro il suo Libero per il titolo su Hamilton

di Enzo Boldi | 04/11/2019

Feltri
  • Il tweet, tra il polemico e l'ironico, del giornalista dopo l'articolo pubblicato sull'edizione odierna del quotidiano

  • Così Vittorio Feltri prende in giro la scelta del titolo su Hamilton campione del mondo di F1

  • L'autocritica del direttore

La sana autocritica al proprio figlioccio. Con un tweet tra il polemico, l’ironico e il dissacrante, Vittorio Feltri se la prende con il proprio giornale per la scelta di un titolo sulla vittoria (la sesta) Mondiale di Lewis Hamilton in Formula 1. Non si tratta di un giudizio tecnico sulla stagione del campione britannico della Mercedes, ma di un’analisi stilistica sulle parole scelte dal titolista per raccontare l’ennesimo trionfo del pilota della scuderia tedesca, Una scelta ritenuta alquanto inutile dal direttore di Libero.

LEGGI ANCHE > Il volgare tweet di Feltri contro Lilli Gruber: «Odia il testosterone perché la trascura da anni»

A pagine 21 dell’edizione di Libero di oggi, lunedì 4 novembre, compare l’articolo dedicato all’ennesima impresa sportiva del pilota Mercedes: «Re Hamilton, è il pilota che prevale sull’auto». Una scelta che non è stata molto apprezzata da Vittorio Feltri che definisce queste parole come un’ovvietà che non aggiunge nulla e racconta poco o niente di quanto accaduto in questa stagione di Formula 1.

Feltri trolla il suo Libero

«Titolo di Libero dedicato ad» Hamilton: è il pilota che prevale sull’auto. Che scoperte: mai vista un’auto che piloti chi è al volante». Così Vittorio Feltri ha sentenziato attraverso il suo attivissimo profilo Twitter. Ovvietà, forse, ma l’analisi sembra essere più approfondita della semplificazione fatta dallo stesso direttore di Libero contro il suo giornalista (o titolista).

Il titolo su Hamilton

In questa stagione di Formula 1, infatti, Lewis Hamilton ha trionfato con tre gare di anticipo rispetto alla conclusione del Campionato. Potrebbe sembrare un dominio, cero, ma accompagnato da diverse difficoltà – in special modo nella seconda parte del Mondiale – da parte della Mercedes e dei loro piloti che hanno dovuto arginare una rediviva Ferrari (e una Red Bull competitiva solo a momenti) che ha provato a mettere i bastoni tra le ruote. Ed è all’interno di questa cornice che può essere inserito questo quadro. Insomma, un rimprovero troppo duro da parte di Feltri.

(foto di copertina:  ANSA / ETTORE FERRARI + Tweet Vittorio Feltri + Libero Quotidiano)