eRosary, anche la preghiera adesso diventa 2.0 con il rosario smart

di Gaia Mellone | 17/10/2019

eRosary, anche la preghiera adesso diventa 2.0 con il rosario smart

Esistono i bracciali che monitorano il sonno e l’attività fisica, gli smartwatch e persino gli smartjewellery, compresi anelli e ciondoli che permettono di monitorare diverse funzioni del proprio organismo. Il mondo degli accessori collegabili ad applicazioni sullo smartphone continua ad allargarsi, e ora strizza l’occhio persino ai religiosi. La novità si chiama eRosary, ed è un rosario a bracciale per essere «più coinvolto nella tua preghiera quotidiana pregando il rosario per la pace nel mondo». Al modico costo di 99 euro.

eRosary, anche la preghiera adesso diventa 2.0 con il rosario smart

LEGGI ANCHE> Il nuovo modello Nike: le “Jesus Sneaker” con crocefisso e acqua santa integrati

«Non è un dispositivo, non è un aggeggio tecnologico: è un’opera di inculturazione che fa la Chiesa nella digitalità, che non è uno strumento da utilizzare ma uno spazio da abitare». Con queste parole il monsignor Lucio Ruiz ha presentato “Click to pray eRosary”, chiarendo che la parola chiave è «condividere». Il bracciale-rosario, realizzato con grani di agata nera e perle di ematite che «si uniscono con una croce accuratamente rifinita – si legge sul sito ufficiale– che simboleggia una fede umana duratura», si attiva con il segno della croce, e permette di accedere tramite l’app a cui è collegato via Bluetooth, ad un archivio di preghiere da recitare e diversi contenuti audiovisivi.

C’è davvero di tutto: dal rosario standard al rosario contemplativo, passando per il rosario tematico e una «audioguida per contemplare e ascoltare il Vangelo». Un modo della Chiesa per interagire con i fedeli più giovani e tecnologici. Non solo, è possibile anche individuare gli altri utenti in preghiera connessi e comunicare con loro sfruttando la piattaforma Click to Pray, l’applicazione ufficiale di preghiera della Rete Mondiale di Preghiera del Papa dove anche Papa Francesco ha un profilo personale.  «Vogliamo raggiungere le frontiere periferiche del mondo digitale dove i giovani si incontrano – ha spiegato padre Frédéric Fornos, direttore internazionale della Rete mondiale di preghiera del Papa, durante la presentazione –. “Click To Pray eRosary” vuole essere infatti una pedagogia tecnologica per insegnare ai giovani a pregare il Rosario, a pregare per la pace e a contemplare il Vangelo».

 

(Credits immagine di copertina: Facebook Click To Pray)

Comunità Click To Pray, abbiamo ottime notizie da condividere con te… Oggi abbiamo lanciato il nostro smart rosary: "…

Gepostet von Click To Pray am Dienstag, 15. Oktober 2019