Durigon, che scrive “E sicura” alla lavagna di Agorà, fa parte della Lega che chiede le dimissioni della Azzolina

La Lega vuole le dimissioni della Azzolina, Durigon non sa scrivere correttamente il verbo essere coniugato al presente indicativo

di Ilaria Roncone | 07/09/2020

Claudio Durigon è leghista, è stato Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e critica a gran voce – come tutto il sui partito – l’operato della ministra Azzolina e dell’Istruzione. I problemi per la scuola, che dovrebbe ricominciare tra una settimana, sono moltissimi. Dalle regole da rispettare per il distanziamento sociale alla mancanza degli insegnanti ai vaccini, c’è davvero tanto a cui far fronte. Salvini sostiene che la Lega farebbe meglio, che ha le soluzioni, peccato che il leghista Durigon abbia dimostrato di non saper scrivere nemmeno la frase “è sicura di aver fatto bene?” come dovrebbe essere scritta.

LEGGI ANCHE >>> Come il Pd risponde alla Lega che si bulla della folla accalcata ai suoi comizi

Durigon ad Agorà sbaglia e scrive “E sicura”

Il video parla da sé. Sbagliare a scrivere una frase la cui grafia corretta si impara alle elementari è grave da parte di un esponente di un partito, una persona che ricopre importanti ruoli istituzionali. Ancor più grave quando il partito in questione chiede a gran voce le dimissioni di una ministra definita a più battute incompetente, inefficace, più volte resa vittima di insulti sui social da perone aizzate dai profili di Salvini e della Lega. Nel video la Costamagna lo riprende immediatamente.

La desolazione dell’istruzione italiana e non solo

Una riflessione: è veramente molto triste. La nostra scuola è martoriata in questa fase di pandemia e lo era anche prima. Le risorse non sono mai abbastanza perché in questo ambito, come in tutto il resto, la politica non sceglie mai di investire quanto sarebbe necessario. L’Italia non è un paese per giovani. Non è un paese di giovani. Però, a quanto pare, è un paese di persone che commettono madornali strafalcioni grammaticali, errori da seconda elementare, che ricoprono ruoli importanti e ambiscono ad avere ancora di più: il ministero dell’Istruzione.