Trump etichetta gli ‘Antifa’ come «un’associazione terroristica» e la Lega mette il like su Twitter

di Enzo Boldi | 01/06/2020

Donald Trump contro gli antifa

«Gli Stati Uniti d’America designeranno ANTIFA come un’organizzazione terroristica». Questo il contenuto del tweet postato domenica da Donald Trump sulle manifestazioni che si stanno susseguendo negli Stati Uniti dopo l’uccisione di George Floyd. Una presa di posizione contro la sinistra radicale rea, secondo il numero uno della Casa Bianca, di aver messo a ferro e fuoco molte città americane. Quel tweet di Donald Trump contro gli Antifa ha ottenuto anche il like social da parte del profilo Twitter della Lega – Salvini Premier.

LEGGI ANCHE > Lewis Hamilton si scaglia contro il silenzio della Formula 1 sull’uccisione di George Floyd

Gli Antifa citati da Donald Trump sono dei collettivi della sinistra radicale statunitense. Alcuni gruppi sono scesi in piazza e nelle strade – in particolare a New York – in queste ore, dopo l’uccisione dell’afroamericano George Floyd. Alle loro proteste si sono uniti migliaia di cittadini e, alcuni di loro, si sono resi protagonisti di atti di vandalismo che poco hanno a che fare con quella richiesta di giustizia per la morte di Minneapolis. Come spesso fa, però, il numero uno della Casa Bianca ha individuato il nemico da attaccare nella sua generalizzazione (populista).

Donald Trump contro gli Antifa e il like della Lega

E quel tweet di Donald Trump contro gli antifa non è passato inosservato, suscitando molte polemiche anche in Italia. Ma nel nostro Paese c’è un partito che ha deciso di sostenere questa battaglia del Presidente degli Stati Uniti, utilizzando lo strumento social. Si tratta del profilo Twitter ufficiale (quello certificato dalla cosiddetta spunta blu) della Lega – Salvini Premier.

Il Carroccio sta dalla parte della Casa Bianca

Dunque, la presa di posizione di Donald Trump contro gli Antifa – che, per definizione, si oppongono alle teorie razziste dei suprematisti bianchi negli Stati Uniti – trovano una sponda (un cuoricino) anche oltreoceano, con il partito di Matteo Salvini che con un click ha espresso il proprio supporto al numero uno della Casa Bianca.