Di Battista dice che ci sono poteri economici e politici che «voglio buttare giù Conte»

di Enzo Boldi | 14/06/2020

Di Battista
  • L'ex deputato M5S ospite di In Mezz'ora in più

  • Alessandro Di Battista ha parlato di poteri economici e politici che vogliono buttare giù Conte

  • Da parte sua, ha sottolineato, piena fiducia e critiche costruttive. Senza colpi bassi

Dopo un silenzio durato alcuni mesi, Alessandro Di Battista è tornato a far sentire la propria voce e – soprattutto – a partecipare a interviste televisive. Dopo l’intervento a Sono Le Venti, andato in onda venerdì 5 giugno sul Nove – oggi l’ex deputato del Movimento 5 Stelle è apparso davanti alle telecamere di Rai 3. Ospite di Lucia Annunziata, a Mezz’ora in più, Dibba ha parlato del suo appoggio e della sua fiducia in Giuseppe Conte e ha detto che esistono alcuni potere economici e politici che vogliono far cadere il Presidente del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE > La stoccata di Di Battista: «Renzi non farà cadere il governo. Alle elezioni prenderebbe meno voti di Potere al Popolo»

«In questo momento ci sono determinati poteri politici ed economici che vogliono buttare giù il Premier Conte – ha detto Alessandro Di Battista rispondendo ad alcune domande di Lucia Annunziata -. Io ho fiducia in Conte, al quale faccio critiche e prendo posizioni diverse dalle sue. Non deve temere colpi bassi da parte mia, bisogna dire le proprie idee. Spero che gli Stati Generali possano portare qualcosa di concreto». L’ex deputato M5S sostiene che da parte sua ci sia grande lealtà e rispetto per il lavoro fatto finora dal Presidente del Consiglio.

Di Battista e i poteri economici e politici contro Conte

Di Battista respinge l’etichetta di picconatore e sottolinea che da parte sua – e del Movimento 5 Stelle – c’è solo una grande coerenza nel dire no al Mes: «Cambierò l’idea sull’Ue quando il patto di stabilità non sarà solamente sospeso ma andrà nel dimenticatoio della storia. Per me l’indebitamento in un momento drammatico è sacrosanto ma se un domani dovessero tornare i parametri europei chi mi garantisce che non ci chiedono di rientrare. Io sono contrario al Mes perché si aggancia a un vincolo esterno che non fa l’interesse nazionale. Nessuno esponente del M5S con cui ho parlato nelle scorse settimane mi ha mai detto che ha intenzione di attivare il Mes».

L’obiettivo: rinforzare il Movimento 5 Stelle

«Il mio unico obiettivo è rafforzare il M5S. Governando con altri bisognerà scendere a compromessi. In maniera leale, dico la mia posizione e me ne assume le responsabilità – ha proseguito Alessandro Di Battista -. Il governo va sostenuto, io voglio pungolare il M5s e far sì che si rafforzi. Le cose migliori il M5s le ha fatte nei primi sei mesi di questa legislatura e le ha potute fare perché era forte».

(foto di copertina: da Mezz’ora in Più, Rai 3)