Che fine ha fatto Alessandro Di Battista?

di Enzo Boldi | 31/10/2019

Di Battista
  • Non scrive più di politica sui social

  • Non parla più di politica, pubblicamente

  • Di Battista si appresta a partire per l'India

L’ultima notizia politica su Alessandro Di Battista risale al 19 settembre scorso quando, con un post al veleno su Facebook, aveva definitivamente bocciato l’alleanza del suo Movimento 5 Stelle con il Partito Democratico. Poi il silenzio, rotto solamente dal sacrosanto invito (del 24 ottobre scorso) alla donazione del sangue. Ma di politico più nulla. Silenzio. E a breve, secondo voci provenienti da suoi ex compagni parlamentari, partirà finalmente per l’India, intraprendendo quel viaggio bloccato dalla scorsa crisi di governo.

LEGGI ANCHE > Alessandro Di Battista scatenato: «Non fidatevi del PD!»

Come detto, il suo ultimo post social risale al 19 settembre scorso, quando scrisse un post molto velenoso per contestare la decisione del suo Movimento 5 Stelle di allearsi con il Partito Democratico. Un atto che, forse, non è stato e mai sarà perdonato dall’ex deputato e attivista che, nelle ultime riunioni prima di creare questa nuova maggioranza parlamentare, era presente a tutti i vertici del Movimento.

Di Battista si è preso una pausa di riflessione dalla politica

Un post, una dura presa di posizione che fa ben capire il malumore di Alessandro Di Battista nei confronti del Movimento 5 Stelle (e anche della base che ha votato sulla piattaforma Rousseau) in cui ha rivendicato le sue battaglie contro il Partito Democratico. Una sorta di canto del cigno prima di smettere di parlare, almeno sui social, di politica. Eppure era quello (oltre ai suoi comizi in piazza) il mezzo più utilizzato per raccontare tutti i suoi pensieri. L’ultimo post social, invece, risale allo scorso 24 ottobre quando invitava alla donazione del sangue.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Donare il sangue è una bella cosa. È importantissimo e fa pure bene a chi dona. Io l’ho appena fatto al Servizio di Medicina Trasfusionale dell’ospedale Sant’Andrea a Roma dove, oltretutto, c’è una struttura che può accogliere molti più donatori di quelli che riceve. Al Sant’Andrea si può donare tutti i giorni (dal lunedì alla domenica) dalle 8.00 alle 12.00. Pensate, la fascia che dona di più in Italia è quella che va dai 45 ai 65 anni. Insomma servono i giovani! Io ho iniziato a donare a 18 anni ed è sempre una bella cosa. Voi ovviamente cercate il centro che vi è più comodo ma sappiate che non si sente nulla, si sta subito bene e si torna a casa più contenti. Buona giornata a tutti!

Un post condiviso da Alessandro Di Battista (@aledibattista) in data:

Il futuro in India

Adesso, finalmente, è giunto il tempo dell’India. Come confermato da alcuni suoi ex colleghi parlamentari a Cinque Stelle, quel viaggio rimandato per colpa della crisi d’agosto del governo è ormai maturo. L’attivista è pronto a fare le valigie e andare a esplorare quella terra. Un viaggio tanto atteso per cui ha studiato e si è preparato. Mentalmente e fisicamente. Lontano dalla politica.

(foto di copertina: da profilo Facebook di Alessandro Di Battista)