Lo juventino Demiral appoggia l’offensiva turca in Siria

di Enzo Boldi | 11/10/2019

Demiral
  • Sta facendo discutere la presa di posizione del difensore turco bianconero

  • Demiral ha deciso di appoggiare la scelta di Erdogan sull'offensiva in Siria

  • Posta foto sui social e cita vecchi moti anni '30 di Ataturk

Buona parte del mondo sta protestando contro la decisione del presidente turco Erdogan di fare un’offensiva in Siria che sta colpendo la popolazione curda. Le condanne – seppur solo a parole, per il momento – sono arrivate da moltissimi Stati dell’Unione Europea e non solo. Anche personaggi noti (cantanti, sportivi, attori, etc) hanno manifestato il loro sdegno per una serie di raid che sono già costati la vita a decine di persone, mentre il difensore della Juventus Merih Demiral ha una prospettiva molto diversa da quella che segue l’opinione pubblica.

LEGGI ANCHE > Claudio Marchisio è accanto al popolo curdo: «Vergogna per la comunità internazionale»

E il suo appoggio alla decisione di Erdogan di fare un’offensiva sulla Siria arriva direttamente dai suoi profili social. Prima su Twitter, poi su Instagram, Demiral ha condiviso fotografie accompagnate da un testo che sottolinea come ci sia quasi la necessità – secondo lui – di procedere con i raid in Siria per difendere i confini della sua Turchia.

«La Turchia ha un confine lungo 911 km con la Siria ed è lì che si forma un corridoio terrorista. Il Pkk è responsabile della morte di circa 40 mila persone, comprese donne, bambini e neonati – si legge nel testo scritto in fondo all’immagine condivisa da Merih Demiral sul proprio profilo Twitter -. La missione della Turchia è finalizzata a prevenire la creazione di un corridoio terrorista sul nostro confine meridionale e ricollocare 2 milioni di siriani in una zona sicura».

Lo Juventino Demiral appoggia Erdogan

Il tutto accompagnato da una fotografia di un soldato turco che accarezza una bambina, con sopra una scritta non nuova per quel che riguarda il sistema geopolitico di quell’area geografica: «Pace in patria, pace nel mondo». Si tratta di uno slogan lanciato all’inizio degli anni Trenta dall’allora presidente Mustafa Kemal AtEaturk. Un qualcosa che compare anche nelle Instagram Stories del difensore della Juventus.

(foto di copertina: Jonathan Moscrop/CSM via ZUMA Wire)

TAG: Siria