Civitavecchia, vandalizzata con scritte omofobe l’auto di una coppia lesbica

21/10/2019 di Enzo Boldi

Civitavecchia

L’ennesimo brutto episodio di intolleranza mossa da sentimenti omofobi arriva da Civitavecchia, cittadina costiera a Nord di Roma. L’automobile di due donne, una coppia lesbica che risiede in zona insieme alla loro tre figlie, è stata vandalizzata da qualche benpensante con epiteti e insulti per via del loro orientamento sessuale. L’episodio è stato denunciato da Gay Center attraverso una nota social pubblicata dal portavoce Fabrizio Marrazzo.

LEGGI ANCHE > La bella risposta di Monica Cirinnà all’utente che le augurava «un carcinoma ai polmoni che ti maciulli»

Un insulto tradotto sia in italiano che in rumeno. Il tutto scritto con una colore grigio che è andato a rovinare il finestrino posteriore (lato guida) e la portiera dell’automobile utilizzata quotidianamente dalla coppia di Civitavecchia. Monica e Romina, questi i nomi delle due donne oggetto di questi insulti omofobi dal chiaro e amaro sapore della discriminazione, vivono lì da circa dieci anni insieme ai loro tre figli.

Civitavecchia e gli insulti a una coppia lesbica

«I continui attacchi della politica alle coppie gay ed alle nostre famiglie alimentano ulteriormente l’odio verso la nostra comunità, che è già continuamente vittima di omofobia», scrive Fabrizio Marrazzo – portavoce di Gay Center – su Facebook. Poi si racconta la storia di Monica e Romina, le due vittime di questa aggressione dialettico-verbale sfociata in quelle scritte omofobe vergognose.

L’auto vandalizzata e la denuncia del Gay center

«È importante che venga approvata al più presto una legge contro l’omofobia che dia tutele reali alle persone lesbiche, gay, bisex e trans, ma la politica resta ormai sempre sorda alle nostre istanze», conclude Fabrizio Marrazzo nella sua nota. Un episodio, quello di Civitavecchia, che si va a sommare alle denunce, quasi quotidiane, di persone discriminate, insultate e minacciate solamente per via del proprio orientamento sessuale.

(foto di copertina: da profilo Facebook Gay Center)

Share this article
TAGS