Come la polizia di New York investe con le auto i manifestanti che protestano per George Floyd | VIDEO

di Gianmichele Laino | 31/05/2020

Il bilancio che arriva ogni giorno dagli Stati Uniti relativo alle proteste seguite all’uccisione di George Floyd, 46enne nero, da parte di quattro agenti della polizia di Minneapolis, continua ad aggravarsi. Un morto a Indianapolis nell’ambito di scontri con la polizia, stato di emergenza a Los Angeles, Casa Bianca in lockdown con le proteste che si sono spinte sin sotto i cancelli della residenza del presidente Donald Trump, scene terribili di cariche della polizia con le automobili a New York.

LEGGI ANCHE > L’autopsia rivela che George Floyd non è morto né per asfissia, né per soffocamento. Ma la famiglia non ci crede

Carica polizia New York, la macchina sui manifestanti

In diversi video si vedono due volanti della NYPD, la polizia del distretto di New York, che si avvicinano minacciosamente alle transenne dietro cui erano assiepati alcune decine di manifestanti che protestavano contro le forze dell’ordine per il comportamento avuto nei confronti del 46enne nero morto a Minneapolis.

Quando le macchine si sono avvicinate, dalla folla è partito un lancio di oggetti che ha portato la polizia a eseguire una manovra a dir poco rischiosa e inopportuna. Con l’automobile, infatti, gli agenti hanno investito le persone di fronte a loro, rischiando di provocare altri morti e di esasperare ancora di più gli animi per come, in questa fase, viene gestita una situazione di emergenza e di pubblica sicurezza.

Sul video è intervenuto anche il governatore dello stato di New York, Bill De Blasio. Quest’ultimo ha riconosciuto che i manifestanti stavano avendo un comportamento sbagliato, ma allo stesso tempo ha espresso rammarico nei confronti delle forze dell’ordine per il modo in cui hanno reagito: «Vorrei che non lo avessero fatto – ha detto De Blasio, che però poi passa dalla parte delle forze dell’ordine -. Non darò la colpa agli ufficiali che stavano cercando di affrontare una situazione assolutamente impossibile».