Ilaria Capua non ha mai detto che cani e gatti sono contagiosi

di Enzo Boldi | 05/04/2020

Cani e gatti contagiosi
  • Gira la classica catena Whatsapp con la bufala e le parole della virologa completamente stravolte

  • Ilaria Capua non ha mai parlato di cani e gatti contagiosi

  • La virologa ha spiegato che alcuni animali sono a rischio contagio, cosa ben diversa

Ancora catene su Whatsapp che danno vita e alimentano fake news. L’ultimo dei tanti messaggi che sta circolando da inizio emergenza sanitaria, circola sulle chat e sui social italiani. Si fa riferimento a una presunta dichiarazione rilasciata da Ilaria Capua che parla di cani e gatti contagiosi. Ma si tratta di una bufala, perché la virologa – direttrice dello One Health Center of Excellence all’Università della Florida – non si è mai espressa in questi termini. Il suo concetto è stato completamente stravolto, dando vita a meri allarmismi.

LEGGI ANCHE > La bufala dell’indennizzo di 600 euro per gli studenti tra i 15 e i 20 anni ‘in quarantena’

Questo il testo del messaggio Whatsapp che circola ancora in queste ore: «Purtroppo stasera quegli stronzi del TG 3 hanno detto che la virologa Ilaria Capua ha parlato di una possibilità di cani e gatti affetti da COVID 19 e quindi contagiosi, ma non ci sono ancora conferme. Solo che così gli ignoranti si scateneranno ancor di più ad abbandonare ed uccidere cani e gatti! Bisogna chiedere una smentita al. TG3 per procurato allarme! Puoi far girare questo tra tutti i tuoi contatti che amano gli animali? Grazie e buona serata».

Cani e gatti contagiosi, la bufala che stravolge le parole di Ilaria Capua

Come spiega Bufale.net, il Tg3 – nel servizio tanto contestato – ha solamente riportato le parole della virologa italiana: «Cani e gatti sono suscettibili a SARS-CoV-2». Il che vuol dire, come spiegato dalla stessa Ilaria Capua – e come indicato nei giorni scorsi anche dall’Istituto Superiore di Sanità – che gli animali domestici possono essere contagiati dai loro padroni infetti. Essere contagiati e non contagiosi: la differenza è lampante ed evidente.

Gli animali a rischio contagio

La stessa Ilaria Capua, oltre a non aver parlato di cani e gatti contagiosi, ha spiegato – citando dati dell’ISS – come siano stati riscontrati solamente quattro casi di infezioni su animali. Insomma, l’allarmismo è derivato da un messaggio completamente stravolto che offriva una fotografia della realtà, senza additare i nostri amici a quattro zampe di essere portatori della malattia. Anzi, si è sottolineato come potrebbe esserci la possibilità di contagiarli e non di essere contagiati da loro.

(foto di copertina: da Di Martedì, La7 + screenschoot messaggio Whastapp)