Il racconto di Fatou e Adjisam: «Un cameriere si è scusato con il ritratto di Mussolini dopo averci servito» | VIDEO

Le due donne hanno affermato di essersi recate anche a sporgere denuncia

di Gianmichele Laino | 20/08/2020

cameriere si scusa con Mussolini

In un post su Facebook, Emilio Mola ha raccontato la storia di Fatou e Adjisam Mbengue, componenti di una numerosa famiglia che vive tra Imola e Bergamo. Queste ultime hanno sporto una denuncia ai carabinieri di Imola per quanto accaduto la sera del 16 agosto quando – racconta – una cameriere si scusa con Mussolini (o meglio, con il quadro presente all’interno del locale) dopo aver preso le ordinazioni della tavolata composta dalla famiglia di Fatou e Adjisam, in pizzeria per festeggiare il compleanno di una bambina di due anni.

LEGGI ANCHE > Il leghista che ci vuole far ragionare dicendo che non c’è libertà se si permette a uno di essere razzista

Cameriere si scusa con Mussolini dopo aver servito una famiglia nera

«Il 16 agosto siamo stati in vacanza a Rimini – ha raccontato Adjisam in una diretta Facebook -. Dovevamo festeggiare il compleanno di una nipotina. Decidiamo di andare in un locale dove avevamo già prenotato precedentemente. Quando è arrivato il cameriere per prendere le ordinazioni, dopo aver scritto tutto, si è girato verso un quadro di Benito Mussolini all’interno del locale, lo ha guardato e, con tanto di braccio teso, ha detto “Scusa Benito”. Cioè ha chiesto scusa a Benito per il fatto che eravamo persone nere e che lui era lì a servirci».

«Avevamo una coppia di italiani di fronte che è rimasta allibita e ho chiesto conferma anche a loro di aver sentito bene – prosegue il racconto -. Ho richiamato l’attenzione di mia sorella, spiegandole quello che è successo. Noi ci eravamo già accorte della presenza del quadro di Mussolini, ma dopo aver fatto una battuta tra di noi abbiamo deciso di rimanere, anche perché rispettiamo le idee degli altri. Ma diventa violento quando in un locale pubblico succede questo».

Alla fine, però – come dimostrano anche alcuni brevi video girati da alcuni componenti della tavolata – quanto accaduto viene fatto notare: «C’erano i bambini e non volevamo impressionarli, quindi avevamo deciso di lasciar correre. Stabiliamo, con il resto della famiglia, di mangiare la pizza. Poi però, alla fine della serata, abbiamo protestato con il cameriere».

Nella giornata di ieri, Adjisam Mbengue ha sporto denuncia presso i carabinieri di Imola affinché si possa far chiarezza su quanto accaduto nel locale di Rimini.

TAG: razzismo