La bufala della maglia di Monica Cirinnà con scritto: «Meglio camorrista che fascista»

Bufala maglia Cirinnà

Ci sono bufale costruite bene a cui si può rischiare di credere. Poi, però, ce ne sono altre che sono lapalissiane ma a cui qualcuno crede lo stesso. È il caso dell’immagine, maldestramente modificata (forse neanche con Photoshop ma con strumenti ancor più semplici) in cui si vede Monica Cirinnà indossare una maglietta con su scritto: «Meglio camorrista che fascista». Una fake news creata ad arte per alimentare quel clima di odio e insulti sorto dopo la notizia dell’arresto del fratello della senatrice del Partito Democratico. Questa la triste storia della bufala maglia Cirinnà.

LEGGI ANCHE > Quelli che stanno insultando Monica Cirinnà perché il fratello è stato arrestato

Nei giorni scorsi abbiamo raccontato di quella valanga di insulti piovuti addosso alla senatrice del Pd dopo la notizia del coinvolgimento (con tanto di arresto) di suo fratello i un’operazione che ha colpito il clan Senese a Roma nei giorni scorsi. E da ieri sta circolando sui social un’immagine modificata (male) che è stata condivisa centinaia di volte. Ma si tratta di un palese fake.

Bufala maglia Cirinnà

Bufala maglia Cirinnà: «Meglio camorrista che fascista»

Anche a occhio nudo, si può notare l’alterazione dell’immagine: dal colore sbiadito del tessuto sullo sfondo, alla scritta che non segue le pieghe della maglietta. Ma se i dettagli tecnici non bastano, basta fare una rapida ricerca per capire quale maglietta indossava Monica Cirinnà nel giorno in cui venne scattata quella foto in compagnia del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti.

La vera scritta su quella maglietta

Lo scatto risale al 13 ottobre del 2018 durante un incontro in cui si parlava dei diritti della comunità LGBT+, di cui la senatrice del Pd è sostenitrice da sempre. All’epoca indossava una maglietta con su scritto il motto di Gay Left: «Meglio froc*o che fascista». Insomma, la bufala maglia Cirinnà con la scritta «Meglio camorrista che fascista» è una palese fake news.

(foto di copertina: da Twitter)

Share this article