La giovane leghista che ha denunciato la finta aggressione delle Sardine ha confessato: era una bufala

di Enzo Boldi | 23/01/2020

Bufala leghista picchiata
  • La bufala leghista picchiata da Sardine a Brescia è stata confermata dalla protagonista

  • In un video su Youtube e con un post Twitter la confessione

  • Il vittimismo di una 15enne di destra che è stata denunciata per simulazione di reato

Lo avevamo detto fin dall’origine, anche grazie al prezioso contributo del sito di fact-checking bufale.net: la storia della giovane sostenitrice della Lega picchiata da un gruppo di ‘sardine’ all’esterno di un supermercato di Brescia è una fake news. E ora arriva anche la confessione della 15enne che gestisce le pagine social IosonoItalia – sempre sintonizzata sul canale di diffusione di bufale – e le motivazioni di questo gesto sono agghiaccianti. E, anche per questo, è stata denunciata per simulazione di reato. La bufala leghista picchiata ha dei contorni quasi comici.

LEGGI ANCHE > La brutta (e falsa) storia della sostenitrice leghista «picchiata dalla sardine» a Brescia

E la confessione arriva attraverso il suo canale Youtube e un post pubblicato su Twitter dalla giovane. «La mia Fake News ispirata da questa simpatica furbacchiona. Con la differenza che io sono stata in grado di fare esplodere il web e portarvi a parlare ancora di me. E lo farete ancora e ancora. Perché io sono io, IosonoItalia,...e voi non siete un cazzo!». Il tutto con allegata la storia della denuncia di un’aggressione omofoba subita da una 31enne a Potenza.

La bufala leghista picchiata, con tanto di confessione

Poi, in un video su Youtube (che non pubblicheremo perché la persona in questione è minorenne e si violerebbero le normative in merito e le carte deontologiche della professione giornalistica), ha detto di essersi truccata a posta: «Ho preso un po’ di trucchi, mi sono fatta aiutare da mia sorella, mi sono creata sulla faccia una sorta di ematoma che forse era più buono per Halloween che per altro». Il motivo: dimostrare che una ragazza di destra non ottiene risalto mediatico quando viene aggredita.

Le assurde motivazioni

Peccato per lei che la scelta di condividere una storia lacunosa, ricca di contraddizioni e con tanto di referto medico comparso sul web solo pochi giorni fa (e quindi già noto ai più attenti, tra cui gli organi di stampa) relativo al pestaggio a scuola di un 13enne di Avellino, ha reso la sua ricostruzione palesemente falsa. Non perché si tratti di una giovane di destra. Questo è chiaro.

 (foto di copertina: da video Youtube di IosonoItalia + profilo Twitter)

TAG: Brescia