Il custode dell’isola di Budelli ancora sotto sfratto: già raccolte 25mila firme contro questa decisione

31/07/2020 di Enzo Boldi

Budelli

Mauro Morandi ha 81 anni e gli ultimi 31 li ha trascorsi da eremita sull’isola Budelli, nel Nord della Sardegna all’interno dell’arcipelago de La Maddalena. La sua storia ha varcato anche in confini dell’Italia, arrivando fino agli Stati Uniti, con i media a stelle e strisce che hanno raccontato questa vicenda. Ora, infatti, il custode dell’isola con la spiaggia rosa è a rischio sfratto, come deciso dalle autorità del Parco Nazionale che curano quella zona. Ma il web, come già accaduto in passato, si è schierato dalla sua parte con una raccolta firme che, in pochi giorni, ha raccolto oltre 25mila adesioni.

LEGGI ANCHE > La petizione online per chiamare ‘Ponte Toninelli’ il nuovo viadotto di Genova

A lanciare l’iniziativa online è stata la giornalista ambientale Enza Plotino che ha da sempre seguito questa vicenda – perché le prime puntate sono andate in scena alcuni anni fa – che vede come protagonista il guardiano-eremita dell’isola Budelli. La petizione è stata pubblicata sul portale change.org e i risultati sono sopra ogni aspettativa.

Budelli, la petizione contro lo sfratto del guardiano dell’isola

Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, nei giorni scorsi, ha fatto sapere di voler rimuovere tutti gli abusi edilizi presenti sull’isola Budelli. Uno di questi è rappresentato dal luogo in cui vive Mauro Morandi, un’ex stazione radio che risale alla seconda guerra mondiale. La giornalista che ha lanciato la petizione scrive: «Il Parco infatti ha annunciato di voler sanare un abuso esistente sull’isola (un ripostiglio risalente ai tempi in cui la casermetta era utilizzata dai militari, forse parliamo degli anni 40/50 ed una tettoia) per poter procedere alla costruzione di un osservatorio. Ma per far questo, semmai verrà sanato l’abuso, chiede che Mauro vada via».

Mauro Morandi e le meraviglie raccontate con i suoi occhi

Mauro Morandi si trova a Budelli dal 1989 ed è considerato il guardiano dell’Isola attraverso i suoi racconti e le sue foto che raccontano quel meraviglioso territorio sardo a tutto il mondo. Il tutto gratuitamente, senza mai chiedere nulla in cambio. Per questo motivo la sua figura è entrata nel cuore della gente che, questa volta, sta dando il proprio supporto alla petizione online in suo favore.

(foto di copertina: da Le Iene)

Share this article
TAGS