Bologna, donna viene accoltellata sul Frecciarossa dal suo ex

di Gaia Mellone | 07/11/2019

  • Intorno alle 10.30 un uomo e una donna sono stati aggrediti a bordo del Frecciarossa che viaggiava tra Torino e Roma

  • L'aggressore è stato individuato nell'ex della donna

  • L'uomo è stato fermato alla stazione di Bologna

Terribile aggressione a bordo di un treno Frecciarossa partito da Torino e diretto verso Roma. Intorno alle 10.30 un uomo e una donna sono stati colpiti e feriti con un coltello dall’ex di lei. Il colpevole fermato alla stazione di Bologna.

Bologna, donna viene accoltellata sul Frecciarossa dal suo ex

LEGGI ANCHE> Roma, uomo accoltellato alla Stazione Termini: è in condizioni gravissime

È stata colpita da diverse coltellate dal suo ex fidanzato una donna che stava viaggiando a bordo del treno AV 9309, lungo la tratta Torino-Roma. Come precisato in una nota di Trenitalia alcune ore dopo l’aggressione, la vittima è una dipendente dell’azienda esterna di ristorazione, mentre l’aggressore è un operatore della ditta esterna che svolge i servizi di pulizie. L’aggressione è avvenuta tra le stazioni di Reggio Emilia e Bologna. Nella stazione del capoluogo emiliano il treno è rimasto fermo per far scendere tutti i passeggeri e soprattutto per permettere al personale sanitario di prestare i soccorsi: la donna è stata portata via intubata ed è in gravi condizioni. Fermato dalla polizia ferroviaria il colpevole e sembra si tratti dell’ex della donna. L’uomo ha estratto un coltello a serramanico scagliandosi contro la vittima e ferendola ripetutamente alla gamba, al collo e al torace. Ferito e ricoverato in ospedale anche un uomo che era intervenuto per difendere la donna.

L’azienda si dissocia dal comportamento del dipendente

In serata la Dussmann Service, azienda presso la quale lavorava l’aggressore, ha diramato una nota in cui «si dissocia senza riserve dal comportamento del dipendente» annunciando che «tutte le pratiche necessarie al suo licenziamento immediato sono già state avviate». La società precisa che l’uomo non aveva precedenti per reati di tipo penale e che fino0 ad oggi la sua condotta era stata «conforme ad ogni regolamento». Pertanto «Dussmann Service condanna incondizionatamente la condotta del dipendente», evidenziando che «lo standard internazionale di certificazione SA 8000 garantisce l’assoluto rispetto dei principi promossi dall’Azienda e ne certifica l’indefesso impegno per un’osservanza senza riserve».

(Credits immagine di copertina: ANSA/ STEFANIA PASSARELLA)

 

TAG: Bologna