No, il professor Pascale del Galeazzi di Milano non ha mai detto di evitare aspirina e ibuprofene per il coronavirus

di Redazione | 17/03/2020

aspirina contro coronavirus
  • Un messaggio WhatsApp è stato diffuso a proposito dell'aspirina utilizzata contro il coronavirus

  • È stato attribuito al medico dell'Ospedale Galeazzi di Milano

  • Tuttavia, il dottor Walter Pascale ha smentito e ha denunciato il fatto alle autorità competenti

Nelle ultime ore è stato diffuso su WhatsApp un messaggio attribuito al professore Walter Pascale dell’Ospedale Galeazzi di Milano. In questo messaggio si sconsiglierebbe l’utilizzo di aspirina contro coronavirus, così come sarebbero sconsigliati anche ibuprofene, il naprossene, il voltarene (diclofenac), ecc, perché andrebbero a favorire le forme gravi del virus. Sempre stando a questo messaggio – di cui si riporta di seguito il testo integrale – sarebbe opportuno assumere il paracetamolo.

LEGGI ANCHE > Burioni sull’efficacia dell’Arbidol in Russia contro il coronavirus: «Non serve a niente»

Aspirina contro coronavirus sconsigliata, quello che c’è da sapere sul messaggio WhatsApp

Ricevuto dal Prof.Walter Pascale del IRCS ospedale Galeazzi di Milano.
Il virus ha appena mostrato di entrare nella cellula alveolare polmonare attraverso il recettore ECAII. Quando si lega ad esso, lo sovraesprime e uccide la cellula alveolare. Da qui tutto ciò che produce. Gli uomini hanno più recettori delle donne, gli asiatici più dei caucasici e le persone che assumono farmaci antiipertensivi come gli antiECA e in particolare gli anti-ECAII hanno una sovraespressione brutale del recettore e quindi sono più sensibili alle infezioni e l’infezione è più grave.
I casi gravi di giovani sono pazienti che hanno assunto farmaci antinfiammatori all’inizio della malattia. Dovresti evitare l’aspirina, l’ibuprofene, il naprossene, il voltarene (diclofenac), ecc., Perché favoriscono le forme gravi. * Dovresti assumere solo paracetamolo *
Non assumere ibuprofene o antinfiammatori se sospetti di Covid
In Francia 4 casi gravi di giovani senza patologia precedente hanno in comune l’assunzione di ibuprofene
È un annuncio del ministero della salute
Apparentemente rende l’infezione molto più rapida.

Il messaggio sembra mutuare alcune indicazioni che sono state date dall’Organizzazione mondiale della Sanità, ma che non possono in alcun modo essere attribuite al professor Walter Pascale. Come verificato da Open, infatti, l’ospedale – attraverso il suo ufficio stampa – ha decisamente negato l’attribuzione, sottolineando come il professor Pascale abbia già «provveduto a denunciare all’autorità competente quanto accaduto, a tutela della sua immagine e dell’immagine dell’Istituto Ortopedico Galeazzi».