Per la morte del maresciallo Vincenzo Carlo Di Gennaro ci sarà il lutto cittadino

di Redazione | 13/04/2019

Vincenzo Carlo Di Gennaro
  • Il maresciallo ucciso a Cagnano Varano è Vincenzo Carlo Di Gennaro

  • Il sindaco ha affermato che verrà proclamato il lutto cittadino

  • Il militare non era originario del posto, ma lavorava qui da diversi anni

Il sindaco di Cagnano Varano Claudio Costanzucci Paolino è senza parole, come tutti gli abitanti del paese in provincia di Foggia. Il carabiniere ucciso, il maresciallo Vincenzo Carlo Di Gennaro di 45 anni, era conosciuto e ben voluto da tutti gli abitanti. L’uomo, a quanto si apprende, non era del paese di 7000 anime nel Parco del Gargano, ma tutti avevano scambiato con lui almeno qualche parola, dal momento che il presidio dei carabinieri, in località come queste, è una forte presenza dello Stato ed è fondamentale.

LEGGI ANCHE > Cagnano Varano, giornalista minacciato dalla mafia Borrometi: «Non possono esserci zone franche»

Il maresciallo ucciso è Vincenzo Carlo Di Gennaro

Il sindaco del paese del carabiniere ucciso ha comunque voluto manifestare la propria vicinanza alla famiglia e ha annunciato che a Cagnano Varano verrà proclamato il lutto cittadino: «Proclameremo il lutto cittadino e faremo anche modo di costituirci parte civile nel processo contro l’autore di questo gesto – ha affermato il primo cittadino -. Esprimo vicinanza alla famiglia del carabiniere e solidarietà a tutta l’Arma».

Chi era Vincenzo Carlo Di Gennaro

Il carabiniere ucciso, il maresciallo Vincenzo Carlo Di Gennaro, non era originario di Cagnano Varano ma lavorava nel paese del Foggiano da diversi anni. Ne conosceva i pregi e i difetti, costituiti soprattutto dalla presenza di microcriminalità: «Un episodio gravissimo, in cui l’Arma dei Carabinieri viene colpita in maniera assurda – ha commentato il sindaco Costanzucci Paolino -. Era una persona straordinaria, un maresciallo che conoscevamo da tempo, dalla grande professionalità, sempre disponibile e pronto a sacrificarsi per il suo lavoro».

Stando alle prime ricostruzioni, il maresciallo 45enne Vincenzo Carlo Di Gennaro era stato chiamato per una lite in famiglia. L’uomo verso il quale sono stati effettuati i controlli ha esploso i colpi contro il vicecomandante del locale comando dei Carabinieri.

Il cordoglio del generale Nistri per Vincenzo Carlo Di Gennaro

Il generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri ha voluto esprimere il suo cordoglio per la tragica morte del Carabiniere di Cagnano Varano: «Il maresciallo – ha dichiarato – è morto per tutelare la legalità e per difendere i cittadini». Da Bari, all’inaugurazione dell’anno accademico del Politecnico, anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha espresso solidarietà alla famiglia della vittima: «Oggi è un giorno di festa – ha detto – ma è anche un giorno triste. Quello che è capitato al maresciallo Di Gennaro deve farci capire quanto rispetto dobbiamo portare alle istituzioni. Così il mio mandato deve essere nell’indirizzo del recuperare la fiducia dei cittadini in tutte le istituzioni. Se questo potesse accadere sarei davvero molto felice».