Il mercato di riparazione M5S per le europee: estremisti di destra, pirati e Licia Colò

di Enzo Boldi | 10/01/2019

Luigi Di Maio, alleanze Ue
  • Luigi Di Maio ha incontrato a Bruxelles alcuni leader europei in cerca di alleanze

  • Si va dagli estremisti di destra polacchi, agli anti-sistema, fino ai Pirati sloveni

  • Il sogno del M5S è quello di candidare alle elezioni europee Licia Colò e Sarah Varetto

Gennaio è il periodo del calciomercato, quando le società di calcio corrono ai ripari e tentano di rinforzare le rose delle proprie squadre per arrivare a fine stagione e, magari, migliorare i risultati ottenuti finora. Nella politica, invece, questo mercato di riparazione viene fatto aprendo i nostri confini e andando a cercare in giro per l’Europa alcune alleanze per tentare di ottenere un buon risultato alle elezioni europee per il rinnovo del Parlamento, in programma nel mese di maggio.

LEGGI ANCHE > Per Di Maio la colpa dei migranti che arrivano in Italia è del colonialismo

Ci sono un polacco, uno sloveno, una finlandese e poi c’è Licia Colò. No, non è l’incipit di una barzelletta, ma il risultato della visita a Bruxelles di Luigi Di Maio che, per il suo MoVimento 5 Stelle è alla ricerca di qualcuno per fare fronte comune e accaparrarsi quei voti per diventare una voce forte all’interno del Parlamento europeo. «Abbiamo visto i polacchi del Kukiz 15, guidati da una rockstar, Pawel Kukiz – ha spiegato il leader pentastellato in un’intervista a Il Fatto Quotidiano -. Poi i croati di Zivi zid, che sembrano quasi noi, con un leader nato nel 1990, e i finlandesi di Liike Nyt».

La rocckstar, il punk, la studentessa e i Pirati

Ma chi sono i personaggi di cui vuole fidarsi Di Maio in vista del voto di maggio? Partiamo dalla rockstar polacca Pawel Kukiz. Ha fondato un partito anti-establishment che porta il suo nome (Kukiz 15) che in patria è famoso per esser nato da una costola del Movimento Nazionale che ha fatto del manifesto pro-razza bianca uno dei punti cardini del suo successo. Inoltre, il loro nome in Italia è famoso per alcuni contatti avuti con Forza Nuova. Per sintetizzare: si tratta di estremisti di destra.

Poi c’è Ivi Vilibor Sincic, il leader del partito croato Zivi Zid (che tradotto in italiano significa ‘scudo umano’). Da molti viene descritto come un ex punk anarchico, in grado di prendere il 16% alle ultime elezioni politiche grazie alle sue battaglie anti-sistema. Poi c’è ci sono i finlandesi di Liike Nyt, il partito guidato dalla giovane Karolina Kahonen che, però, rischia di non ottenere neanche i seggi necessari nel Paese baltico per ottenere un posto. Dopidichè ci sono i Pirati sloveni, gli animalisti olandesi e i famosi ‘gilet gialli’ francesi.

Di Maio sogna Sarah Varetto e Licia Colò

E, alla fine, arriva l’Italia. I due nomi che Luigi Di Maio vorrebbe portare nel Parlamento Europeo sono due volti pesanti della televisione pesante. La prima è Sarah Varetto, ex direttrice di SkyTg24 che, però, ribadisce ancora una volta, attraverso il proprio profilo Twitter, come questa notizia sia infondata.

 

La seconda è Licia Colò, famosa per le sue trasmissioni sull’ambiente e sugli animali che l’hanno resa un volto amico per molti bambini (e non solo) per il suo modo delicato di raccontare la natura. Due sogni che potrebbero diventare una realtà per il Movimento 5 Stelle.

(foto di copertina da Blog delle Stelle)