Di Maio chiede alla Rai di fare spazio sulla banda 700, dove la tv pubblica non ha frequenze

di Enzo Boldi | 18/12/2018

Banda 700, Luigi Di Maio
  • Luigi Di Maio ha detto che la Rai utilizza la banda 700 per le sue frequenze

  • Chiede alla radio e televisione pubblica di lasciare spazio per lo sviluppo della rete 5g

  • Ma la Rai, in realtà, non ha frequenze lì sopra

Una gaffe alla velocità del 5g. Così Luigi Di Maio si è prodotto in una topica parlando della banda 700 MHz, prossima destinazione per l’innovazione tecnologica (in termini di velocità) delle reti digitali. Il Ministro – nel suo ruolo di titolare dello Sviluppo Economico – ha chiesto alla Rai (e alle altre grandi emittenti radiotelevisive) di lasciare la banda 700 per consentire uno sviluppo alle compagnie di comunicazione che stanno sviluppando il sistema 5g. Il piano di rinnovamento è previsto entro il 2022, ma la radio e televisione pubblica non ha frequenze su quella banda.

LEGGI ANCHE > Torna Fantaghirò in tv a Natale | Tutte le date e gli orari in tv

«Ho chiesto alla Rai di liberare frequenze su Banda 700 per dare spazio a 5G», ha detto Luigi Di Maio – come confermato dal video allegato al tweet del parlamentare Pd Michele Anzaldi – chiedendo un passo indietro anche a Mediaset e agli altri grandi operatori televisivi che, secondo il vicepremier, hanno affollato la banda. E, invece, la Rai non ha frequenze sulla cosiddetta banda 700.

 

La Rai non ha frequenze su banda 700

Come spiega Anzaldi, la Rai non ha frequenze sulla banda 700, quindi la richiesta sembra essere illegittima. Come si può lasciare spazio in un posto (non fisico) che non si occupa? Questo viene chiesto a Luigi Di Maio dopo la sua versione sull’incidenza della Rai sulla banda 700. Molti utenti sono accorsi sotto il profilo di Michele Anzaldi, citando un documento della Camera sulla questione del rinnovamento delle frequenze del sistema radiotelevisivo (che no, non è la Rai) e un vecchio articolo datato 15 ottobre 2018 in cui si legge di un ricorso fatto dalla Rai su banda 700.

Il ricorso Rai è per il trasferimento di Rai 3

Ma chi ha condiviso tutto ciò – come probabilmente fatto anche da Luigi Di Maio – si è fermato solamente al titolo. Nell’articolo pubblicato da key4biz, infatti, si parla del ricorso fatto dalla Rai nei confronti del Piano nazionale delle frequenze 2018 approvato dall’Agcom il 27 giugno, ma (già leggendo le prime righe) non riguarda l’affare banda 700, ma il trasferimento di Rai 3 al Mux1. Una migrazione che metterebbe a rischio la fruibilità del terzo canale in alcune zone d’Italia. Il ricorso è stato presentato contro l’intero Piano nazionale delle frequenze, e non contro la banda 700. Ma il cittadino comune può non sapere queste cose, abbastanza tecniche, anche se potrebbe evitare di correre alla difesa di un ministro che (lui sì) dovrebbe essere informato e non dover fare poi retromarce continue.

(foto di copertina: ANSA/GIUSEPPE LAMI)

TAG: Banda 700, Rai