Faccia a faccia Boldrini-Salvini: «Sei ministro, togli gli insulti alle ragazze sulla tua pagina» | VIDEO

di Gianmichele Laino | 30/11/2018

  • Matteo Salvini e Laura Boldrini si sono incontrati dietro le quinte di Sky

  • L'ex presidente della Camera gli ha chiesto di cancellare gli insulti alle ragazzine minorenni presenti sul suo profilo

  • «Ricordati che sei ministro, ora hai delle responsabilità»

Il palcoscenico è piuttosto inusuale. Laura Boldrini e Matteo Salvini si incontrano dietro le quinte della trasmissione di Sky nella quale entrambi erano ospiti in due fasce diverse. C’è tempo per uno scambio di battute, anche piuttosto acceso tra i due. Oggetto del contendere sono gli insulti che alcune ragazze minorenni hanno ricevuto sui profili social del ministro dell’Interno. Salvini, infatti, aveva pubblicato una loro foto – senza copertura del volto – per prendersi gioco di loro, che stavano manifestando contro di lui, durante un corteo.

LEGGI ANCHE > Laura Boldrini attacca Salvini alla Camera per la prima volta sulla «bambola gonfiabile» | VIDEO

Lo scambio di battute Boldrini-Salvini

«Salvini, prima di iniziare – dice la Boldrini -, cancella quegli insulti dalla tua pagina Facebook». La replica del ministro non si fa attendere: «Hai visto il cartello che avevano? Piazzale Loreto? Volevano impiccarmi?». «Mi dissocio da questo – ha replicato la Boldrini -, ma gli insulti non possono esserci: sono minorenni. Cancellali».

Matteo Salvini, poi, si è allontanato con sufficienza dalla ex presidente della Camera, che ha rincarato la dose: «Ricordati che sei ministro, ora hai delle responsabilità». Laura Boldrini ha anche disposto un’interrogazione parlamentare in merito, chiedendo al ministro di cancellare i commenti, che contengono anche e soprattutto insulti sessisti nei confronti delle minorenni.

I precedenti scontri tra Boldrini e Salvini

Soltanto qualche giorno fa, a Montecitorio era andato in scena un contrasto pubblico tra la Boldrini e Matteo Salvini: nel corso di un suo intervento alla Camera, la deputata ha ricordato l’episodio in cui il ministro l’aveva paragonata a una bambola gonfiabile. Anche in quella circostanza aveva ribadito la necessità, da parte del vicepremier, di cancellare i commenti da parte dei suoi followers che si sono scagliati contro le ragazzine.