«Patata bollente»: Tribunale e Odg condannano Libero per il titolo indecente su Virginia Raggi

di Redazione | 23/11/2018

patata bollente
  • Il Tribunale di Milano e l'Odg hanno condannato Libero per il titolo indecente su Virginia Raggi «Patata bollente»

  • Con sentenza di primo grado è stata confermata la delibera del Consiglio nazionale di disciplina

  • È stata respinta così la versione del «doppio senso, inteso con un'accezione affettuosa»

Tribunale di Milano e Ordine dei Giornalisti hanno condannato il quotidiano Libero per il titolo sessista del 10 febbraio 2017 «Patata bollente» sulla sindaca di Roma Virginia Raggi. Il giornale diretto da Pietro Senaldi alludeva ad una presunta relazione della prima cittadina della Capitale con l’ex capo della sua segreteria politica Salvatore Romeo. «Una patata bollente può bruciare Virginia», titolava Libero a pagina 3. Con sommario non meno indecente: «La Raggi ha mostrato un debole per un dipendente comunale e gli ha dato l’aumento: meglio il Cav che pagava di tasca propria».

Libero condannato per titolo su Virginia Raggi «Patata bollente»

La condanna è stata unanime da parte di Tribunale e Odg. ne ha dato notizia Prima Comunicazione. La V sezione civile del Tribunale di Milano ha confermato con sentenza di primo grado la delibera del Consiglio di disciplina dell’Ordine nazionale dei Giornalisti contro Senaldi, direttore responsabile della testata guidata da Vittorio Feltri, del quale il giudice ha respinto il ricorso, condannandolo anche al pagamento delle spese legali, circa 20mila euro.

 

patata bollente
(Immagine: la prima pagina di Libero con titolto ‘Patata Bollente’ sulla sindaca di Roma Virginia Raggi)

 

Secondo il Consiglio di disciplina il titolo ‘Patata bollente’ presenta «evidenti richiami sessuali», un «dileggio» sessista proprio perché la sindaca «è donna» e si parlava delle sue vicende personali, legandole alla notizia dell’inchiesta in cui la prima cittadina di Roma era stata coinvolta. Il Tribunale ha respinto così la versione del «doppio senso, inteso con un’accezione affettuosa» sostenuta da Senaldi nella sua difesa al Consiglio della Lombardia. Titolando così infatti, il quotidiano accostava Virginia Raggi alla vicenda giudiziaria di Silvio Berlusconi e delle ‘olgettine’.

 

patata bollente
(Immagine: la prima pagina di Libero con titolto ‘Patata Bollente’ sulla sindaca di Roma Virginia Raggi)

 

(Immagine di copertina: la prima pagina di Libero con titolto ‘Patata Bollente’ sulla sindaca di Roma Virginia Raggi)