E Salvini lasciò solo Di Maio a difendere la manovra

di Redazione | 08/10/2018

di maio

Non tutta la maggioranza e non tutto il governo parla con la stessa convinzione di manovra finanziaria. Sulla nota di aggiornamento al Def, che ha ottenuto il via libera in Consiglio dei Ministri a fine settembre, e sulla legge di Bilancio che sarà presentata nei prossimi giorni in Europa e in Parlamento, sembrano emergere in questi giorni divergenze di metodo tra Movimento 5 Stelle e Lega, con i pentastellati che difendono le scelte a spada tratta e il Carroccio che dà priorità ad altri temi.

 

LEGGI ANCHE > Il direttore di Repubblica Calabresi risponde all’attacco di Di Maio: «Non vogliono le domande scomode»

 

Manovra, Di Maio lasciato solo da Salvini

Lo evidenzia oggi il quotidiano Il Messaggero (articolo di retroscena di Marco Conti) parlando di un Luigi Di Maio lasciato solo a fare il frontman di una battaglia che in pochi giorni ha visto dileguarsi tutti gli inquilini di Palazzo Chigi:

Su tutt’altro fronte, che non sia la manovra, è invece contento di impegnarsi il vicepremier Matteo Salvini. Un paio di giorni di affondi contro i commissari Ue, per tornare a parlare di migranti da non far sbarcare, da arrestare o da riportare indietro. Completo silenzio invece – e non solo del ministro dell’Interno ma di tutta la Lega – su Fornero, flat tax, fisco o reddito di cittadinanza. Né un post, né un comunicato per sostenere il Def appena varato o l’alleato. Malgrado quest’ultimo paventi il rischio di una crisi di governo qualora la manovra non riesca ad andare in porto.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / ALESSANDRO DI MEO)