Salvini lancia una nuova sfida: dopo le navi vuole bloccare gli aerei

di Redazione | 07/10/2018

Salvini

Il ministro degli Interni Matteo Salvini è tornato a colpire duramente il dossier sulle migrazioni. L’obiettivo, da oggi, sarà di impedire il ritorno dei cosiddetti migranti “secondari”, coloro i quali sono stati registrati in Italia come Paese di primo ingresso e che ora si trovano all’estero.

LEGGI ANCHE > Tajani lancia un appello a Salvini: «Fai cadere questo governo»

Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c’è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti“, ha dichiarato Salvini.

Il primo volo di ritorno dalla Germania dovrebbe avvenire il prossimo 9 ottobre, anche se al momento fonti del Viminale affermano di non saperne niente.

Sull’argomento è intervenuto anche l’altro vicepremier, Luigi Di Maio: “Io, sinceramente, questa cosa dei charter con i migranti che arrivano in Italia non so chi l’abbia autorizzata perché sui secondary movement, che erano il tema su cui si discuteva come Italia in Europa e che ci chiedeva la Germania, non è stato sottoscritto nessun accordo. Adesso vediamo cosa accadrà ma per fare queste cose ci vogliono gli accordi“.

(Foto credits: Ansa)