La curva della Juventus è stata squalificata per cori razzisti contro Napoli e Koulibaly

di Redazione | 02/10/2018

curva Juventus squalificata

Non sarà stata proprio una condanna esemplare, ma già è qualcosa. La curva della Juventus è stata squalificata per un turno a causa dei cori di discriminazione territoriale contro Napoli e per alcuni ululati razzisti nei confronti di Kalidou Koulibaly. La società, invece, è stata multata con un’ammenda di 10mila euro. Per la prossima partita in casa, dunque, i bianconeri non protranno contare sul supporto dei loro ultrà.

LEGGI ANCHE > Perché il razzismo nel calcio italiano è così diffuso

Curva Juventus squalificata per una giornata

Più volte, nel corso del match Juventus-Napoli di sabato scorso (terminato con il punteggio di 3-1 in favore dei bianconeri), i calciatore del Napoli – Lorenzo Insigne in testa – avevano segnalato all’arbitro Banti di Livorno l’insistenza di alcuni cori, i soliti, razzisti nei confronti di Napoli e del suo difensore centrale di origini senegalesi.

Tifosi della Juventus razzisti contro il Napoli e contro Koulibaly

«Napoli usa il sapone», «Vesuvio lavali col fuoco», «buuu» a ogni tocco di palla di Koulibaly (che, l’anno scorso, segnò un gol alla Juventus proprio in questo stadio): il giudice sportivo ha deciso che la reiterazione dei cori poteva essere sanzionata con la squalifica di una giornata al settore dell’Allianz Stadium.

In passato, un provvedimento simile era stato preso nei confronti della curva della Lazio (due turni di squalifica per cori razzisti nel corso di Lazio-Sassuolo) e nei confronti della curva dell’Atalanta (sempre per frasi razziste contro Koulibaly). Era stata comminata soltanto una sanzione di 20mila euro, invece, per la discriminazione territoriale nei confronti di Napoli alla Sampdoria, nel corso della partita dello scorso campionato tra i liguri e gli azzurri: in quella circostanza, il match era stato addirittura sospeso per cinque minuti.