«Belen è un viado»: Nina Moric condannata a 600 euro di multa

di Enzo Boldi | 11/09/2018

Nina Moric

Nina Moric è stata condannata dal Tribunale a pagare una multa di 600 euro per aver insultato Belen Rodriguez durante un’intervista radiofonica andata in onda su Radio24 nel settembre del 2015. La pena per la modella croata, però, è stata sospesa e non comparirà sulla sua fedina penale. Per lei solamente il pagamento delle spese legali di 2mila euro da versare, in segno di rimborso, alla showgirl argentina, nonostante le richieste dell’accusa che chiedevano almeno 20mila euro di sanzione.

LEGGI ANCHE > Il figlio di Corona è su Instagram, ma Nina Moric attacca: «Un pugno nel cuore»

La querelle tra Nina Moric a Belen Rodriguez risale al settembre 2015, quando la modella croata – intervistata dalla trasmissione di David Parenzo e Giuseppe Cruciani, La Zanzara su Radio 24 – aveva parlato della showgirl argentina definendola un «viado». Le due, infatti, sono entrambe ex di Fabrizio Corona e Nina Moric si era pubblicamente sfogata contro Belen accusandola di girare nuda in casa davanti a suo figlio Carlos Maria, nato dalla relazione tra lei e l’ex fotografo dei vip.

Nina Moric e la querelle con Belen

Il giudice milanese ha quindi accolto la richiesta di condanna che era stata formulata dalla pubblica accusa, ma ha anche riconosciuto a favore di Nina Moric le attenuanti generiche, disponendo la sospensione condizionale della pena. Inoltre, questa condanna, non macchierà la fedina penale della modella croata. Un bel sospiro di solievo per la modella croata, che negli ultimi giorni era stata protagonista anche di un battibecco social con l’ex compagno Fabrizio Corona, reo di aver fatto iscrivere su Instagram il loro figlio.

Belen chiedeva oltre 20mila euro

L’avvocato Andrea Righi, rappresentante legale di Belen Rodriguez, aveva chiesto un risarcimento economico di 20mila euro, ma la sentenza ha di gran lunga ridimensionato le richieste della showgirl argentina. Le motivazioni saranno depositate entro 45 giorni.

(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)