Dino Giarrusso
|

Dino Giarrusso trova lavoro al ministero: controllerà i concorsi all’università

Era uno degli esclusi eccellenti del Movimento 5 Stelle. Dino Giarrusso, ex inviato del programma Mediaset Le Iene, era stato candidato nelle ultime elezioni politiche e, per questo motivo, aveva abbandonato la trasmissione televisiva. Tuttavia, l’incidente di percorso è stato notevole: a differenza del suo collega Gianluigi Paragone, infatti, Giarrusso – che era candidato nel collegio uninominale Gianicolense a Roma – non era stato eletto.

LEGGI ANCHE > Dino Giarrusso risponde agli attacchi sui social per il ‘paracadute’ come addetto alla comunicazione alla regione Lazio

Dino Giarrusso, già finita l’esperienza nello staff della Lombardi

Per questo motivo, adesso, l’ex Iena rappresenta un po’ il jolly della comunicazione per il Movimento 5 Stelle. In un primo momento era entrato nello staff della candidata alla presidenza della Regione Lazio Roberta Lombardi. Tuttavia, la gestione di alcuni casi controversi lo avrebbe spinto a lasciare quel posto. Un ruolo che l’ex inviato de Le Iene aveva ricoperto per circa due mesi, da aprile a luglio.

Dino Giarrusso, il nuovo lavoro con Lorenzo Fioramonti

Passate le vacanze estive, tuttavia, Giarrusso ha trovato una nuova sistemazione. Entrerà infatti a far parte dello staff del sottosegretario al ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca Lorenzo Fioramonti. Quest’ultimo, nella giornata di ieri, ha reso pubblica la collaborazione attraverso un post su Facebook.

«Dino è laureato in Scienze della Comunicazione ed ha insegnato per vari anni all’Università di Catania, prima di diventare noto in tutto il Paese come giornalista investigativo per lo show televisivo Le Iene – ha scritto il sottosegretario Fioramonti -. Oltre che svolgere il ruolo di manager della comunicazione e mantenere i rapporti istituzionali tra il mio ufficio, il parlamento e gli altri ministeri, Dino dirigerà il nostro ‘osservatorio’ sui concorsi nell’università e negli enti di ricerca. Infatti, da quando sono entrato in servizio – meno di due mesi fa – ho ricevuto oltre trenta segnalazioni di concorsi sospetti!». 

Un ruolo a metà tra la comunicazione e la politica, insomma. Ancora una volta Dino Giarrusso ha messo l’accento sul suo curriculum (come avvenuto quando entrò a far parte dello staff della Lombardi) per prevenire, con ogni probabilità, accuse sul fatto di ricoprire cariche importanti in virtù del suo passato militante nel Movimento 5 Stelle.