Violenta turista danese a Rimini: in passato, denunciato per altre tre episodi del genere

di Redazione | 29/08/2018

violenta turista danese

L’ennesimo caso di cronaca che poteva essere evitato e che ha come vittima una giovane donna in vacanza nel nostro Paese. Un uomo di 37 anni, un venditore ambulante originario del Bangladesh, è stato arrestato in meno di 24 ore a Rimini, con l’accusa di aver stuprato una turista danese, nella notte di domenica 26 agosto. Nella giornata successiva i carabinieri lo hanno individuato e lo hanno fermato. Le indagini sono state condotte dal sostituto procuratore Davide Ercolani.

LEGGI ANCHE > Stupro Jesolo, fermato 25enne senegalese. Salvini: «Verme che non si può espellere»

Violenta turista danese, era stato già denunciato tre volte per violenza sessuale

L’episodio si sarebbe potuto evitare perché in passato il 37enne era stato raggiunto da altre tre denunce per violenza sessuale, una di queste nei confronti di una minorenne. Il fermo è avvenuto lunedì scorso, mentre la misura cautelare è stata convalidata oggi dal giudice per le indagini preliminari.

Gli inquirenti hanno ricostruito nei dettagli la situazione in cui la turista danese è stata vittima dello sturpo: l’uomo l’ha incontrata intorno alle 5.30 di mattina, mentre passeggiava da sola, in viale Regina Margherita, mentre stava rientrando nella propria stanza d’albergo. Dopo aver fatto un complimento alla ragazza, il 37enne le si è avvicinato e l’ha aggredita. In seguito alle urla della donna, è fuggito via, ripreso tuttavia dalle telecamere di videosorveglianza nell’area.

Violenta turista danese, il racconto delle forze dell’ordine

La turista danese ha atteso gli uomini del Nucleo Radiomobile dei carabinieri in un bar di Rimini e ha rifiutato il ricovero in ospedale, riservandosi di formalizzare la denuncia in un secondo momento. A testimoniare in suo favore è stato anche un cliente del bar che ha assistito alla seconda parte della violenza sessuale. Nel corso dell’arresto, la vittima ha identificato il suo aggressore che, stando anche al racconto del barista del locale all’interno del quale la ragazza si è rifugiata, aveva in passato infastidito diverse volte i suoi clienti.

Si tratta del secondo episodio verificatosi nella cittadina della riviera romagnola, in questi giorni meta turistica per eccellenza: soltanto qualche giorno fa sono stati denunciati per lo stesso motivo due allievi agenti della polizia originari di Brescia. I due si erano giustificati sostenendo che la vittima, una 19enne tedesca, fosse consenziente.

[FOTO DI REPERTORIO: Due carabinieri effettuano un sopralluogo sulla spiaggia libera di Rimini in cui nella notte è stata commessa una violenza sessuale. Un marocchino di 34 anni è stato arrestato dai carabinieri per estorsione e stupro, Rimini, 31 AGOSTO 2017.
ANSAMANUEL MIGLIORINI ADRIAPRESS]

TAG: Rimini, stupro