Victor Orban ha detto che Salvini è il suo eroe e che ha chiesto il permesso d’incontrarlo a Berlusconi

di Redazione | 28/08/2018

Victor Orban

Che fossero sulla stessa linea, lo si era capito da tempo. Ma dichiarazioni smielate del genere rasentano quasi il gossip politico. Eppure Victor Orban, il primo ministro ungherese di estrema destra, noto per le sue posizioni intransigenti – anche a livello di Unione Europea – sui migranti e sull’accoglienza in generale, lo ha detto davvero. Nel corso della sua visita a Milano ha affermato: «Matteo Salvini è il mio eroe. Vorrei fare la sua conoscenza personale».

LEGGI ANCHE > Di Maio si smarca un po’ da Salvini: «Con Orban non vogliamo avere niente a che fare»

Victor Orban e il suo eroe Matteo Salvini (e il permesso di Berlusconi)

Assediato dai giornalisti dopo aver pranzato in un ristorante della città lombarda, il premier ungherese ha anche affermato di aver chiesto il permesso niente meno che a Silvio Berlusconi per avere un via libera all’incontro con Matteo Salvini. «Come amico ho Berlusconi – ha detto Orban – e gli ho chiesto il permesso di incontrare Salvini questa volta. ‘Appoggi il fatto che io incontri Salvini’ gli ho detto. Lui mi ha risposto: ‘Certo’».

Le parole di Orban sono state riportate fedelmente a Matteo Salvini che le ha definite «frasi sagge» prima di entrare in prefettura a Milano dove, proprio in questi minuti, sta incontrando Orban. La visita di Orban in Italia non ha mancato di suscitare polemiche, specialmente tra gli oppositori politici dell’attuale governo, ma anche al suo interno con diversi esponenti del Movimento 5 Stelle che non condividono le politiche autoritarie del premier magiaro.

Victor Orban e la missione di Salvini

Orban è stato molto chiaro sulle motivazioni che lo hanno spinto in Italia: «L’Ungheria – ha affermato – è la testimonianza che i migranti si possono fermare via terra, anche se su questo l’Unione Europea è molto critica con noi. Matteo Salvini dovrebbe dimostrare con la sua azione che i migranti si possono fermare anche via mare».