Falsa No Profit Cuneo
|

Raccoglieva vestiti per i disabili, ma poi li vendeva nel suo negozio: scoperta truffa nel cuneese

Lucrare sulla beneficenza. Il presidente di un’associazione No Profit di Fossano, comune in provincia di Cuneo, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza con l’accusa di truffa e altri reati fiscali. Secondo le indagini portate avanti dagli uomini delle Fiamme Gialle, l’uomo vendeva nel proprio negozio i vestiti che riceveva per beneficenza e, invece di devolvere l’intero incasso ai disabili – così come dichiarato nello statuto costitutivo dell’associazione – incassava i proventi delle vendite. Il tutto senza – neanche – dichiarare nulla al fisco.

LEGGI ANCHE > La storia della coppia che viene truffata su Airbnb e viene accolta da un paesino del Salento

Secondo la Guardia di Finanza di Fossano, nel cuneese, il presidente dell’associazione – a questo punto finta – No Profit avrebbe incassato oltre 100mila euro che dovevano esser destinati a ragazzi disabili. Il giochino era semplice. L’uomo, presentandosi come presidente di questa associazione benefica, si era rivolto alle case di moda che negli anni, hanno donato gratuitamente all’organizzazione migliaia di capi di vestiario da destinare alla vendita senza scopo di lucro.

Falsa No Profit nel cuneese, vendevano abiti e incassavano i soldi destinati alla beneficenza

Finanzieri della Tenenza di Fossano hanno calcolato in circa 75mila i capi di abbigliamento ricevuti dalle case di moda negli anni, ma la maggior parte sono stati venduti nel negozio del presidente dell’associazione No Profit con l’incasso finito interamente nelle sue tasche. E non è tutto. Oltre alla truffa, acclarata e conclamata, ora l’uomo è indagato anche per altri reati fiscali, per la totale evasione fiscale sulla vendita di quei prodotti.

Falsa No Profit a Fossano, dalla truffa all’evasione fiscale

A causa della mancata presentazione del rendiconto annuale previsto dalle leggi per le No Profit, gli uomini della Guardia di Finanza di Fossano hanno già inviato la segnalazione all’Agenzia delle Entrate per provvedere alla cancellazione dell’associazione dal Registro delle Organizzazioni di Volontariato, che godono di benefici fiscali. Ora il presidente sarà indagato per truffa e vari reati fiscali.