fico
|

Fico dice il contrario di Salvini: «I migranti della Diciotti devono sbarcare»

No, la maggioranza di governo M5S-Lega non è compatta sulla vicenda dei 177 migranti bloccati da giorni nel porto di Catania a bordo della nave Diciotti della Guardia Costiera. Tra i pentastellati è il presidente della Camera Roberto Fico ad evidenziare le distanze dal leader del Carroccio Matteo Salvini, il ministro dell’Interno della linea dura. «La giusta contrattazione con i Paesi dell’Unione europea – ha scritto la terza carica dello Stato su Twitter – può continuare senza alcun problema, adesso però le 177 persone devono poter sbarcare. Non possono essere più trattenute a bordo, poi si procederà alla loro ricollocazione nella Ue». Non la pensa così il vicepremier leghista.

 

 

 

LEGGI ANCHE > Saviano attacca (di nuovo) Salvini e lui (di nuovo) non capisce e parla di «fesserie»

 

Fico lontano da Salvini: «I 177 profughi bloccati sulla nave Diciotti devono sbarcare»

Sempre su Twitter, Salvini ha pubblicato un messaggio ironico per commentare una manifestazione di protesta: «A Catania sono arrivati anche i ‘numerosissimi’ contestatori che vogliono ancora immigrati… Glielo mandiamo un bacione?». Ma il segretario della Lega si è anche mostrato non preoccuparsi dell’indagine in corso da parte della Procura di Catania. Allo scrittore Roberto Saviano il leader del Carroccio ha replicato in maniera provocatoria. Senza infatti rispondere alle accuse nel merito. «Finisce l’estate e tornano le fesserie di Saviano!», si è limitato a scrivere su Facebook. Le reazioni delle opposizioni, per evidenziare le divergenze tra M5S e Lega, non si sono fatte attendere. La deputata Pd Alessia Morani ha twittato: «Faccia una cosa presidente Fico: telefoni al ministro degli Interni Salvini e faccia in modo di fare sbarcare quelle persone altrimenti è il suo solito intervento inutile e ipocrita. Non basta un tweet al mese per salvarsi faccia e coscienza».

(Foto di copertina da archivio Ansa: il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico nell’Aula di Montecitorio. Credit immagine: ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI)