Genova, le famiglie di metà delle vittime non vogliono i funerali di Stato

di Gianmichele Laino | 17/08/2018

funerali di Stato

«Non ho più fiducia in questo Stato» dichiara la sorella di una delle vittime del crollo del ponte Morandi a Genova. Per il fratello, la moglie e i due figli – tutti tragicamente scomparsi la mattina del 14 agosto – non ci saranno funerali di Stato. La decisione presa da questa famiglia è condivisa, in tutto, per 17 delle 38 vittime provvisorie del crollo del ponte che univa il capoluogo ligure.

LEGGI ANCHE > Genova: il 18 i funerali delle vittime. Rai trasmette la cerimonia (senza spot per 24 ore)

Funerali di Stato, la scelta di non partecipare

Le famiglie di altre 7 vittime, invece, hanno mostrato perplessità e non sono ancora decisi sul da farsi. Al momento, i funerali di Stato previsti per sabato 18 agosto 2018, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e delle altre autorità dello Stato, verranno celebrati solo per 14 dei 38 morti, spariti in un giorno di metà agosto sotto le macerie di un ponte costruito cinquant’anni fa proprio da quello Stato che ora piange i suoi cittadini.

«È lo Stato che ha causato questo – dice la madre di uno dei quattro giovani di Torre del Greco che hanno incontrato la morte sul viadotto -, non si devono permettere di farsi vedere: la passerella di politici è stata vergognosa». Una polemica condivisa anche da un altro genitore di una vittima di Torre del Greco, che si è sfogato con un post su Facebook: «Non vogliamo un funerale farsa, ma una cerimonia nella nostra chiesa a Torre del Greco. È un dolore privato, non servono le passerelle. Da oggi inizia la nostra guerra per la giustizia e per la verità, non deve succedere più».

Funerali di Stato, la macchina dell’organizzazione

Intanto, per chi ha accettato la cerimonia pubblica, è già partita la macchina organizzativa. La prefettura sta organizzando l’arrivo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nella cerimonia pubblica ci sarà spazio anche per la cerimonia islamica chiesta dai parenti di una delle vittime albanesi. Ai funerali di Stato potranno partecipare 1800 persone. Per il resto dei genovesi, sarà possibile stringersi vicino alle famiglie delle vittime guardando la cerimonia sui maxischermi.

FOTO: ANSA/LUCA ZENNARO

TAG: Genova