staff comunicazione Conte
|

Giuseppe Conte ha offerto di tasca sua (pochi) tramezzini ai giornalisti

Il gesto nobile è questo: Giuseppe Conte offre tramezzini ai giornalisti nell’ultima conferenza stampa prima della pausa estiva. Che coincide – non è un caso – con il compleanno del presidente del Consiglio che proprio l’8 agosto ha compiuto 54 anni. La piccola «cafonata» – ovvero un gesto contrario alle norme del bon ton – la fa invece il suo portavoce Rocco Casalino che, quasi a voler decantare la generosità del premier, ricorda a tutti che i tramezzini sono stati offerti «di tasca sua».

LEGGI ANCHE > L’assurda conferenza stampa di Giuseppe Conte (con Casalino a fianco) 

Conte offre tramezzini, nel segno dell’oculatezza

Ovvio che, a quel punto, gli occhi di tutti si siano spostati sul buffet per misurarlo e descriverlo nei minimi particolari. Un po’ anche per provare a capire qualcosa in più di questo presidente del Consiglio misterioso, che afferma candidamente di «non essere né carne e né pesce» e di trascorrere la propria vacanza «né al mare, né in montagna, ma in collina». Quasi a voler rimarcare, con una metafora, il giusto mezzo che lui rappresenta tra i due fuochi Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

I giornalisti più maligni hanno sottolineato come i tramezzini siano stati «al limite dell’oculatezza», contati, insomma. Non c’è abbondanza in questa conferenza stampa. La sobrietà (e il braccino corto) la fanno da padrone. Anche quando si tratta di dispensare notizie. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte non dice nulla di nuovo. Certo, il clima è cordiale e disteso, vigilato sempre dall’onnipresente Rocco Casalino in piedi dietro al premier. Alle spalle di Conte c’è anche il drappo della presidenza del Consiglio, accanto alle bandiere dell’Italia e dell’Unione Europea.

Conte offre tramezzini e poche notizie

Ma le notizie non escono fuori, sono poche. Un po’ come i tramezzini. C’è spazio anche per un siparietto con una giornalista: «Lei è terribile, dottoressa, fa troppe domande ed è troppo lucida. Mi dia quel bicchiere». E giù una goccia di spumante. Poi, la gag prende di mira Casalino: «Rocco, prego: prendi una copia della manovra economica e distribuiscila a tutti i giornalisti». Risate.

Alla fine, c’è spazio anche per una torta – fragole e frutti di bosco. Una sorpresa per il premier. Davvero piccola, a quanto pare, e riservata al suo staff al completo. Per farla assaggiare a tutti c’è voluto un taglio da spending review. L’ombra di Carlo Cottarelli continua ad aleggiare.

FOTO: INSTAGRAM GIUSEPPE CONTE