di battista
|

Di Battista “pungola” Di Maio e i 5 Stelle: «Ribadire i no a Tav e Tap»

L’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista, anche se non più “ufficialmente” coinvolto nei giochi istituzionali del nuovo governo giallo-verde, ha voluto ricordare ai suoi ex compagni deputati e senatori (in particolare al ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio) i valori fondanti del M5S, tra cui i no a Tav e Tap.

LEGGI ANCHE > Alessandro Di Battista prova a difendere Foa ma non finisce benissimo

Di Battista contro governo su Tap e Tav

Sono libero, anche di pungolare il M5S, ho molta stima di Di Maio, sta combattendo tantissimo. Abbiamo fatto battaglie importanti, contro il Tap, contro il Tav, opere del tutto inutili“, si sente dire in un video su Facebook dallo stesso Di Battista. “Coraggio, questo è il momento di spingere, non ci possiamo far distrarre da queste robe sul razzismo. Questa è distrazione di massa. Il Movimento deve fare il Movimento, ribadendo i No sani che abbiamo detto, perché ci abbiamo preso i voti su quella roba là“.

Parole Di Battista, la reazione di Matteo Salvini

Il dito, manco a dirlo, è puntato contro la Lega e Matteo Salvini, strenui difensori dei due progetti. Lo stesso ministro degli Interni si è espresso sul tema dopo le parole dell’ex parlamentare: “Per quello che mi riguarda si va avanti e non si torna indietro. Nel contratto di governo c’è l’esame costi-benefici. Non faccio l’ingegnere, posso dire che la Pedemontana in Lombardia e in Veneto è assolutamente necessaria, che il Terzo Valico è assolutamente necessario, che la Tap in Puglia porterebbe a un risparmio del 10% sulle bollette energetiche delle famiglie e delle imprese in Italia. Però valutiamo costi-benefici, Tav compresa. Io di mio preferisco sempre costruire e andare avanti“.

Parole Di Battista, le parole di Luigi Di Maio

Se Salvini cerca di portare acqua al suo mulino, il ministro dello Sviluppo economico ha assecondato le parole del suo amico impegnato in un lungo viaggio in America del Sud: “La Tav? È nel contratto di governo. Ma sono anche contento che il ministro dell’economia francese, che ho incontrato questa settimana, abbia detto che capisce i miei dubbi sulla Tav Torino-Lione“.

(Foto credits: Ansa)