Grillo attacca Salvini
|

Beppe Grillo «attacca» Matteo Salvini. Il video (ironico) con protagonista un uomo di colore

Beppe Grillo torna al suo primo amore: la comicità. In una scenetta pubblica sul proprio profilo Facebook, il comico genovese «attacca» – ironicamente – il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il video che lo vede protagonista insieme a un ragazzo di colore, intitolato «Salvini dove sei?», è ambientato in una spiaggia della Sardegna, dove Grillo è in vacanza.

LEGGI ANCHE > Beppe Grillo choc: «La democrazia è superata, dev’essere sostituita con altro»

«Stai perdendo il polso della situazione», dice Beppe Grillo nella sua fantomatica telefonata a Matteo Salvini, mentre guarda allibito un ragazzo di colore sdraiato su un lettino a prendere il sole. «Non lo so cosa sta succedendo qui. Mica è colpa mia. Qua sta avvenendo questa roba qui, un mischiarsi di cose che non era mai successo su questa spiaggia qua».

Grillo attacca Salvini, il video comico sul suo profilo Facebook

Ironia o attacco? L’intento comico del video appare palese da quel che dice poco dopo: «Cosa ci fai a Milano Marittima. Vieni qui in Sardegna e guarda cosa sta succedendo. È qui sdraiato a dormire da stamattina sulla sdraia. Ora ci vado io a vendere le borse». Poi la scena si sposta sul bagnasciuga, dove l’uomo di colore sta per entrare in acqua. «Fanno il bagno così. Salvini per favore, qui il fenomeno ormai è incontenibile. Fai qualcosa o lo dico a Luigi». Prima di avvisare i bagnanti: «bambini venite fuori dall’acqua, per favore».

Grillo attacca Salvini: «Siamo invasi, fai qualcosa o chiamo Di Maio»

La terza parte della gag si sposta nel chiosco-bar della spiaggia sarda, dove l’uomo di colore ordina un’acqua tonica con ghiaccio e limone. «Salvini – dice Grillo in un’altra fantomatica telefonata al Ministro dell’Interno – questi sono qui al bar come noi. Una tonica, ha ordinato una tonica. Fai qualcosa, la situazione ti sta scappando di mano». E poi ancora minacciando di chiamare il collega Vicepremier Di Maio: «Luigi è buono, Luigi è buono». Il video ironico si conclude con la comparsa di un’altra ragazza che dice «Ma io sono una lavoratrice a nero e sono anche nera», tra le risa di Grillo e dell’uomo protagonista del video.