|

Matteo Salvini twitta contro il caldo “africano”

Matteo Salvini davvero non ce la fa più. A sopportare il caldo s’intende. L’ultimo Tweet del Ministro dell’Interno fa un gioco di parole che ai suoi followers non diverte: il caldo “africano” forse non è stata una buona idea.

Matteo Salvini e il caldo africano, il tweet della discordia

Un classico selfie alla Salvini: preso dal basso, faccia un po’ imbronciata da simpaticone, e battuta pronta. Stavolta la “vittima” è il caldo, che attanaglia tutta l’Italia. E Roma e i suoi palazzi di potere non fanno eccezione. Anzi, fa cosi caldo che sembra di essere in un altro continente. «Qui Ministero dell’Interno, contro il caldo africano purtroppo non posso fare nulla 🙂 ! Come va da voi?» scrive Matteo dal suo account. Come a dire che la sua lotta con l’Africa ha dei limiti: climatici.

I suoi followers però non sembrano gradire la battuta. «Manda via gli immigrati e con i 35€ al giorno compri ventilatori per ogni famiglia!» scrive con sarcasmo @httmariapaola, mentre in molti si lamentano che il ministro avrebbe dovuto spendere parole sulla strage di Bologna, il cui anniversario ricorre oggi: «Con una faccia così, fai venir voglia di emigrare su Marte. Due paroline per ricordare le vittime della Strage di Bologna no? Buffone» dice Martina, e Pietro le risponde «Beh in effetti tra i suoi elettori c’è tanta gente che quel giorno ha gioito».

LEGGI ANCHE > i tweet pro-salvini che inondano il web sono prodotti da un’applicazione (e non hanno niente di etico)

C’è anche chi invece non perde l’occasione per manifestare il suo supporto con frasi come « Capitano sei unico. Se ti serve una mano ci vengo volentieri» e «Ministro il caldo non fermerà il suo splendido lavoro, avanti tutta». Ma il tweet di risposta che sembra piacere di più – al momento in cui scriviamo i like sono più di 500 – è quello di “Le frasi di Osho”, pagina satirica popolarissima su tutti i social, che senza troppi preamboli ribatte: «Prima i caldi italiani!».

 

(credits immagine di copertina: ANSA/PASQUALE BOVE)