svastica
|

La svastica in piazza Banchi a Genova

Il grande simbolo nazista capeggia al centro della piazzetta nel cuore della città ligure. E finisce nella foto pubblicata da Pietro Mensi, ragazzo di “Riparte il futuro“.
Allegata alla foto una didascalia:

Piazza Banchi è casa mia.
Ho vissuto per 2 anni nella chiesa di Banchi, facendo vita comunitaria. Ho imparato quanto è faticoso prendersi cura dei volontari, dei gruppi, di attività e animazioni. In quei due anni ho imparato quanto può essere impegnativo e gratificante accogliere le persone di qualunque estrazione e provenienza e quanto può essere potente iniziare a vivere con la porta aperta.
L’ho fatto da laico ma mettendo in pratica valori cristiani, gli stessi valori su cui tanti spergiurano pur di avere consenso.
Piazza Banchi è casa mia e per voi, che siate seri oppure più probabilmente dei buffoni, la porta è chiusa.

LEGGI ANCHE > I legami dei reclutatori di mercenari in Ucraina, pronti alla rivoluzione armata, con Lega e Fratelli d’Italia

La svastica è stata tracciata con del gesso. Nella foto si vedono alcune persone che cercano di cancellarla. L’episodio è stato segnalato alle forze dell’ordine e – secondo quanto riporta il Secolo XIX – il Municipio Centro-Est ha fatto sapere di essersi messo in contatto con Aster e Amiu chiedendo un intervento tempestivo.
Nell’ottobre del 2016, in via al ponte Reale, a pochi metri da piazza Banchi, era apparso un simbolo simile, opera di un commerciante della zona.