Il M5S ha cacciato il deputato assenteista Andrea Mura

di Redazione | 31/07/2018

Andrea Mura

Andrea Mura, il deputato sardo finito al centro delle polemiche per l’elevato numero di assenze alla Camera, è stato espulso dal gruppo del Movimento 5 Stelle. A comunicarlo all’Assemblea di Montecitorio è stata ieri la vicepresidente Maria Edera Spadoni. Mura, 53 anni, noto velista, skipper dell’imbarcazione Open 50 Vento di Sardegna, risulta pertanto iscritto al gruppo Misto. Il deputato M5S era stato duramente criticato, anche dal suo stesso partito, dopo un’intervista rilasciata al Quotidiano Nuova Sardegna in cui non riteneva scandaloso il suo assenteismo.

Il M5S ha espulso il deputato assenteista Andrea Mura

Mura, che risultata presente a sole 8 votazioni su 220, ha dichiarato che «l’attività politica non si svolge solo in Parlamento». «Io – ha proseguito – l’ho detto fin dall’inizio, anche in campagna elettorale, che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani. D’altronde, ci sono un sacco di parlamentari che vanno alla Camera e passano il loro tempo a farsi i selfie in aula. Io no, ho altro da fare». Nell’intervista Mura ha detto di andare alla Camera una sola volta alla settimana, per la Commissione Trasporti. «La mia giornata – sono state le sue parole –  inizia alle 5 di mattina, quando mi sveglio. Faccio colazione e mi precipito a preparare la barca per la mia prossima regata. Alle 10 sono in ufficio, a Cagliari, e mi occupo del lavoro da deputato fino alle 13. Pranzo e alle 14 sono di nuovo in barca. Alle 16 ritorno in ufficio per rispondere alle mail. Poi vado in palestra dalle 19 alle 21. Poi ceno e stramazzo. Un giorno alla settimana sono a Roma, per la commissione trasporti. Parto col primo volo della mattina e rientro con l’ultimo».

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / ETTORE FERRARI)