Salvini
|

Salvini ha definitivamente sdoganato i motti fascisti: «Tanti nemici, tanto onore!»

Lo aveva già fatto in passato, tuttavia Matteo Salvini ora ricopre il ruolo di ministro degli Interni e ogni sua parola dev’essere accuratamente pesata e valutata.

LEGGI ANCHE > Ancelotti e Salvini citano Mussolini: «Molti nemici molto onore»

Salvini frase fascista

Con un post su Facebook in cui rilancia l’articolo di Affaritaliani.it “Abbasso Salvini”: Sinistra, cattolici, tutti contro. Ma il suo consenso sale“, il capo del Viminale ha rilanciato un chiaro slogan tanto caro in epoca fascista: “Tanti nemici, tanto onore!“, e l’emoticon di un bacio.

Già in passato, prendendo le difese del neo-allenatore del Napoli Ancellotti, Salvini aveva pubblicato nel 2015 la scritta che ha fatto ricordare Benito Mussolini nel corso degli anni: “In Italia – scrisse all’epoca – ci sono 15 milioni di persone a rischio povertà. Molti di loro sono anziani che hanno lavorato una vita. E lo Stato che fa? Paga gli alberghi ai clandestini… Questo è RAZZISMO, altro che rompere le palle a Sacchi e Ancelotti. Molti nemici, molto onore”.

L’articolo di Affaritaliani parla dei continui attacchi a Salvini e di come il suo consenso ne tragga solo benefici:

Matteo Salvini giudicato “persona non grata” dal consiglio comunale di Maiorca. Poche ore prima della diffusione di questa notizia, sui social si discuteva animatamente del “fanculo” con cui la cantante Nina Zilli lo aveva apostrofato durante un concerto.
Qualche giorno fa era stata la volta di Famiglia Cristiana con il suo “Vade retro Salvini”, che faceva pendant con quel “Ministro della Malavita” appioppatogli da Roberto Saviano (ora indagato per diffamazione dopo la querela del vicepremier leghista). E ancora non si placano le polemiche sul “finto” manifesto di Rolling Stone che avrebbe dovuto riunire una serie di artisti e intellettuali contrari alle politiche del Ministro dell’Interno, manifesto poi sconfessato da molti di loro, in primis Enrico Mentana.
Questi di cui sopra sono solo i casi più eclatanti di un pedissequo fuoco di fila mediatico contro Matteo, un plotone di esecuzione in perenne attività che fa capo a figure istituzionali legate al Pd o alla Sinistra, a testate cattoliche quali Famiglia Cristiana, per l’appunto, ma anche Avvenire, e a personaggi di fede “rossa”. Attacchi continui ai quali Salvini risponde con una scrollata di spalle, spesso irridendone gli autori e accrescendo la propria popolarità già al massimo storico.

(Foto credits: Ansa)