marchionne
|

Il padre di Manuela, la compagna di Marchionne: «Sergio stava male da un anno»

«Un anno fa aveva smesso di fumare, sembrava che le sue condizioni di salute stessero migliorando. Lui non si è mai fermato. Era chiaro a tutti che non stesse bene. Il suo fisico si era asciugato e lui era affaticato e respirava con molta fatica. Eppure era sempre in movimento, in viaggio da una parte all’altra del mondo. Ha sempre lavorato e non si è mai tirato indietro di fronte ai suoi impegni». Parla così di Sergio Marchionne il padre di Manuela, la compagna del manager di Fca morto ieri a Zurigo. In un’intervista rilasciata a Simona Lorenzetti per Il Corriere della Sera Pier Luigi Battezzato racconta di un uomo provato che non ha mai smesso di limitare il suo impegno lavorativo.

 

LEGGI ANCHE > «Evviva!»: gli haters non si fermano nemmeno davanti alla morte di Marchionne

 

Il racconto del padre di Manuela, compagna di Marchionne: «Sergio stava male da un anno»

«Ho parlato con Sergio poco prima che venisse operato ed era tranquillo. Aveva persino fissato una riunione che avrebbe dovuto tenersi in questi giorni. Poi ci siamo dati appuntamento per le vacanze, c’era un progetto per riunire tutta la famiglia». E ancora: «Quello di Sergio doveva essere un intervento semplice. E invece è accaduto il peggio. Non lo so, a volte penso che se non fossero andati in Svizzera forse sarebbe stato diverso… se si fosse fatto operare alle Molinette, qui in Italia…». «Forse non era nella condizione di affrontare un’operazione. Non saprei, lui è arrivato in clinica fisicamente provato».

(Foto di copertina da archivio Ansa: Marchionne durante la conferenza stampa dopo l’assemblea degli azionisti del gruppo FIAT il 30 marzo 2011 al Lingotto di Torino. Credit immagine: ANSA / DI MARCO)