Thailandia
|

Sono iniziate le operazioni di recupero dei ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia

Nella giornata di domenica 8 luglio sono iniziate le operazioni di recupero dei 12 ragazzi bloccati con il loro allenatore in una grotta nel nord della Thailandia.

LEGGI ANCHE > Thailandia, l’allenatore dei ragazzi bloccati nella grotta ha inviato una lettera di scuse ai genitori

Thailandia, iniziate le operazioni di recupero

Al momento un ragazzo è già in viaggio verso l’esterno, che dovrebbe durare circa 11 ore a testa. Il primo recupero dovrebbe arrivare verso le 16 ore italiane.

Il portavoce ufficiale delle operazioni Narongsak Ossotanakorn ha dichiarato che a queste operazioni stanno partecipando 18 sub, 13 stranieri e 5 thailandesi.

Il percorso verrà compiuto a tratti a piedi, a nuoto e sommersi. Il pericolo più grosso è rappresentato dal fatto che i bambini dagli 11 ai 16 anni non sanno nuotare.

Le piogge sono una delle principali preoccupazioni, l’acqua potrebbe tornare a inondare i tunnel“, ha spiegato il portavoce delle operazioni, ricordando che oggi è previsto un intensificarsi delle piogge, tipiche di questa stagione.

“Il tempo è bello, il livello dell’acqua è buono, i subacquei sono pronti, i ragazzi sono fisicamente, emotivamente e mentalmente pronti a uscire“, ha aggiunto Ossotanakorn.

Sabato 7 luglio sono anche arrivati messaggi di solidarietà e speranza da Massimiliano Allegri, attuale ct della Juventus che su Twitter ha scritto: “Spero che i ragazzi prigionieri nella grotta in Thailandia ce la facciano“.

TAG: Thailandia