Temptation Island 2018: guida alle coppie in gara (che promettono faville)

di Redazione | 20/06/2018

temptation island 2018

A volte ritornano. Temptation Island 2018, il reality delle coppie più o meno famose, sta per iniziare- Il programma che va in onda su Canale 5 andrà in onda il 5 luglio con la prima puntata (prima delle forse cinque puntate al posto delle classiche sei). Quali sono le coppie in gioco e che saranno messe alla prova?

LEGGI ANCHE > Flavio Zerella: manuale per cavarsela quando la tua fidanzata ti scopre (e tu hai palesemente torto)

Le coppie in gara sono Ida Platano e Riccardo Guarnieri, Lara Rosie Zorzetto e Michael De Giorgio, Valentina De Biasi e Oronzo Carinola, Raffaella Giudice e Andrea Celentano, Giada e Francesco, Martina e Gianpaolo. Sono già iniziate le riprese in Sardegna. A settembre andrà in onda la versione Vip del reality condotta da Simona Ventura, che potrebbe risultare molto interessante.

LEGGI ANCHE Che fine hanno fatto le coppie di Temptation Island 2015?

Ida e Riccardo sono i più conosciuti. Provengono dal Trono Over di Uomini e Donne. Se diventano come il Dama e la De Lellis il pubblico inizierà a odiarli nel giro di cinque minuti.

Poi ci sono Lara e Michael che partecipano al programma per capire se possono stare insieme davvero. Iniziano già poco convinti.

Valentina e Oronzo. Lui l’ha cornificata diverse volte. “So che sbaglierò al 100% ma tanto Valentina mi perdona…”, afferma convinto. Certo Oronzo, certo.

Raffaella e Andrea Fidanzati da 7 anni. Lei piange già nel promo. Per gli aficionados del programma sapete di cosa stiamo parlando.

Martina e Gianpaolo. Questa coppia promette bene. “Ho lasciato la mia famiglia e le mie amicizie per stare con lui… È passato un anno, questa è la nostra stanza e di fronte c’è la camera di sua mamma…”, spiega lei. Lui ha 24 anni e non vuole saperne di metter su famiglia. Però vive a due passi dalla mamma. Ok.

Giada e Francesco hanno deciso di partecipare per testare, il loro rapporto. Lui dice che è molto geloso e fa bene a esserlo. Speriamo che stavolta i mobili in casa siano più resistenti.