Spagna: sfiduciato Mariano Rajoy, al suo posto sale il socialista Pedro Sanchez

di Redazione | 01/06/2018

mariano rajoy sfiducia

Il Congresso ha approvato la mozione di censura nei confronti del Governo Mariano Rajoy Brey, che dovrà quindi dimettersi.

È cosi automaticamente eletto Primo Ministro il leader socialista Pedro Sánchez Pérez-Castejón.

Il Congresso dei deputati spagnolo ha sfiduciato il premier conservatore, raggiungendo i 176 voti necessari su 350, secondo il conteggio in diretta della tv pubblica Tve. Il leader socialista è quindi  il nuovo capo del governo di Madrid.

LEGGI ANCHE > CHI VOLEVA INVIARE UN PROIETTILE A MATTARELLA? PERQUISITA LA CASA DI UN PENSIONATO

Chi è Pedro Sanchez

Pedro Sanchez è in pratica il primo politico a spodestare il presidente del governo attraverso una mozione di sfiducia. L’ex professore di economia non è nemmeno più un parlamentare. Non ha passato bei momenti. L’ultimo è stato quando fu defenestrato dal suo partito, il Partito Socialista Operaio Spagnolo (Psoe), per il suo rifiuto di appoggiare il ritorno in carica di Rajoy in seguito alle due elezioni generali che non avevano consegnato una maggioranza netta. Paradosso dei paradossi vinse, otto mesi dopo, le primarie con il 49% tornando quindi segretario. Abbandonò il suo seggio e fece un viaggio per  ricongiungersi con i socialisti scontenti in tutta la Spagna. Di Madrid, classe 1972, è entrato a far parte del Psoe nel 1993. Il suo non sarà un compito facile. Il suo governo dovrà accoogliere le istanze dei diversi partiti che hanno appoggiato la sua mozione di sfiducia e dovrà preparare il Paese alle elezioni generali. Non solo, dovrà affrontare la questione dell’indipendenza catalana, in uno dei periodi più difficili della penisola iberica dopo il regime franchista.

(Credit Image: © Ye Pingfan/Xinhua via ZUMA Wire)