Berlusconi si è fatto male al naso per vedere Giuseppe Conte

di Redazione | 25/05/2018

silvio berlusconi conte

In pieno fermento per la costruzione del governo Conte c’è un curioso retroscena su Il Messaggero. Marco Ajello racconta l’incontro tra il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e il presidente incaricato Giuseppe Conte.

LEGGI ANCHE > Di Maio e Salvini conquistano altri 4 senatori, la maggioranza M5S-Lega non è più risicata

L’ex presidente del Consiglio ha avuto un piccolo infortunio prima del fatidico momento.

Ma ecco che arriva Berlusconi. La prima cosa che gli dice è questa: «Ma lo sa che per venire da lei mi sono ferito? Ho sbattuto con il naso sulla porta dell’ascensore, mi hanno portato all’infermeria della Camera dove sono stato tamponato ma sarei venuto a conoscerla anche dissanguato». Berlusconi lo ascolta, poi dirà di lui: «Ho avuto una buona impressione. Magari quei pazzi dei grillini fossero tutti come lui!». Il quale, antropologicamente, non è lontano dai forzisti. Se Silvio lo avesse sottoposto a un casting lo avrebbe assunto al volo (anche per la sua eleganza di sartoria e per la rasatura perfetta) e comunque Conte tramite l’avvocato Alpa era in contatto – pugliesi, avvocati – con il compianto Donato Bruno parlamentare fidatissimo di Berlusconi e queste cose aiutano. Come la vicinanza di Conte a quel milieu romano di professionisti, definibile come lettiano e situabile tra il circolo Canottieri e l’ Aniene.

 

(Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi al suo arrivo alla Camera dei Deputati in occasione delle consultazioni del presidente del consiglio incaricato Giuseppe Conte, Roma 24 maggio 2018. ANSA/FABIO FRUSTACI)