matteo salvini viminale
|

Matteo Salvini vuole il Viminale. «Disposto a un passo di lato»

«Salvini premier? Sarebbe un grande onore, se avessi la certezza di andare al governo anche non da premier mi metto in gioco. Se serve faccio anche un passo di lato. Io voglio cambiare questo paese. Più ci insultano più mi viene voglia di fare questa sfida».  Matteo Salvini spiega con una diretta Facebook quali dicasteri vuole: in primis il Ministero dell’Interno.

Al Viminale il piano del leader della Lega Nord è chiaro: allontamento dalle carceri «dei troppi delinquenti stranieri» e una stretta «all’immigrazione clandestina». Più che stretta una ruspa sul piano accoglienza. «I 5 miliardi di spesa prevista dalla sinistra per l’accoglienza – spiega – verranno tagliati. Quantomeno dimezzati per mettere tutto sui rimpatri, allontanamenti, espulsioni».

LEGGI ANCHE > BEPPE GRILLO PROPONE UN DOPPIO EURO, EURO NORD ED EURO SUD

Via la supertassa sulle e-cig, le accise sulla benzina, abolizione della Fornero. La Lega punta anche a un Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per «tutelare il Made in Italy»: da destinare a un uomo, o una donna. «Il Ft dice che siamo barbari: io dico meglio barbari che servi. Stanno usando i soliti trucchetti, lo spread…Ma noi andiamo avanti. Non son nato per tirare a campare».