|

La fuga degli sponsor dal Grande Fratello 15

Il Grande Fratello 15 sta avendo brillanti risultati di ascolto ma le polemiche per l’eccessiva TV trash della ultima edizione del programma condotto da Barbara D’Urso sta provocando ua fuga dei suoi sponsor. Il caso più noto riguarda Nintendo, multinazionale dei giochi elettronici che ha comunicato  la sospensione della sponsorizzazione di Switch all’interno del Grande Fratello 15.

La fuga degli sponsor dal Grande Fratello 15 guidata da Nintendo

«Nintendo, leader mondiale nella creazione e nello sviluppo di intrattenimento interattivo per tutta la famiglia, si dissocia completamente dagli eventi e dai messaggi negativi comunicati attraverso il comportamento di alcuni concorrenti del Grande Fratello dell’edizione attualmente in onda. Pertanto, con effetto immediato, la console Nintendo Switch lascerà la trasmissione e tutto ciò che ruota attorno a essa, dai social media a qualsiasi altra forma di collaborazione e comunicazione inerente al programma», ha scritto Nintendo in un comunicato stampa.

LEGGI ANCHE> GOVERNO M5S-LEGA, PRIMA BOZZA DEL CONTRATTO. SALVINI: «C’È ACCORDO SUI PUNTI CHIAVE»

La multinazionale giapponese è una delle diverse aziende che hanno lasciato la sponsorizzazione del Grande Fratello 15; la stessa decisione è stata presa anche da BellaOggi, Acqua Santa Croce, Screen e F**K.  Altri sponsor hanno invece espresso la loro distanza dai contenuti del programma, una dissociazione che potrebbe preludere a un disimpegno pubblicitario come deciso da Nintendo: Consilia, Salumi Berett, Aran Cucine, Steel Pan, Delta Salotti e Givova.

Cristiano Malgioglio (S), Barbara D’Urso (C) e Simona Izzo, posano per i fotografi all’ingresso della casa del Grande Fratello 2018 presso gli studi di Cinecittà a Roma, 16 aprile 2018. ANSA/CLAUDIO PERI

Una simile dissociazione ha pochi precedenti nella storia della TV, sopratutto se si considera che si tratta di un programma attualmente di grande successo, che sta ottenendo ascolti tra i più alti di sempre nella storia del reality. L’eccesso di trash trasmesso ha però messo in imbarazzo chi sponsorizza il programma nonostante il successo di pubblico.