I familiari di Casamonica hanno aggredito un giornalista e un filmaker di Nemo | VIDEO

di Redazione | 08/05/2018

casamonica

I Casamonica aggrediscono giornalisti. Oggi all’alba l’inviato di Nemo, Nello Trocchia, e il filmaker Giacomo Del Buono, erano presenti al momento degli arresti di Antonio Casamonica e di Alfredo Di Silvio (due delle quattro persone ritenute responsabili dell’aggressione del primo aprile ai danni di una donna disabile e del titolare del bar alla Romanina, il Roxy bat di via Salvatore Barzilai). Durante l’arresto di Casamonica, i familiari del 26enne (che è finito in manette insieme a Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio, rispettivamente di 22, 28 e 71 anni) hanno inveito e insultato poliziotti e giornalisti. Una familiare ha colpito la telecamera di Del Buono con uno schiaffo spaccando il led. A documentare l’accaduto è un video diffuso dalla Rai.

I familiari di Casamonica aggrediscono un giornalista e un filmaker di Nemo

L’azienda televisiva, ha reso noto che oltre agli insulti i familiari di Casamonica hanno lanciato anche oggetti proibendo alla telecamera di Nemo di avvicinarsi alla casa dell’arrestato. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata di Nemo di venerdì 11 maggio, alle 21.20 su Raidue. La nuova aggressione ricorda quanto accaduto ad Ostia lo scorso 7 novembre, quando un giornalista della stessa trasmissione, Daniele Piervincenzi, e il filmaker Edoardo Anselmi sono stati colpiti da Roberto Spada e Ruben Alvez Del Puerto. Il processo su quella vicenda è ancora in corso.

Il video

Questa la scena dell’aggressione a Trocchia e Del Buono pubblicata sulla pagina Facebook della trasmissione Nemo.

 

 

Questo il messaggio del programma: «Durante l’arresto di Casamonica, i familiari hanno inveito e insultato poliziotti e giornalisti, una familiare ha colpito la telecamera del filmmaker Giacomo Del Buono con uno schiaffo spaccando il led. Oltre agli insulti i familiari hanno lanciato anche oggetti proibendo alla telecamera di avvicinarsi alla casa di Antonio Casamonica».

L’indagine su Casamonica e Di Silvio per lesioni, minacce e danneggiamento

Sul raid dei Casamonica del primo aprile nel Roxy Bar della Romanica è stata aperta un’indagine affidata ai pm della Direzione distrettuale antimafia (Dda). Ai quattro arrestati viene contestata anche l’aggravante del metodo mafioso. Nei confronti di Antonio Casamonica e di Alfredo, Vincenzo ed Enrico Di Silvio si ipotizzano i reati di lesioni, minacce e danneggiamento aggravate da modalità mafiose.

 

LEGGI ANCHE > Giorgia Meloni non cita il clan Casamonica, il barista romeno, e la mafia sugli arresti per il raid dei Casamonica

 

La solidarietà per Trocchia e Del Buono

Tanti i messaggi di solidarietà per Trocchia e Del Buono. La presidente della Rai Monica Maggioni e il direttore generale Mario Orfeo hanno commentato: «Ancora un’aggressione nei confronti di una trasmissione Rai impegnata a raccontare gli sviluppi giudiziari di un grave fatto di cronaca consumato a Roma. L’azienda esprime la piena solidarietà ai colleghi aggrediti questa mattina davanti alla casa di un esponente della famiglia Casamonica e conferma il suo totale impegno a tutela di tutti coloro che lavorano per garantire al Servizio Pubblico la possibilità di essere nei luoghi dove avvengono i fatti. Nessuna intimidazione potrà mai fermare il racconto della realtà che la Rai quotidianamente offre agli italiani». «Solidarietà a Nello Trocchia e alla troupe di Nemo aggredita questa mattina davanti alla casa di un esponente della famiglia Casamonica. Non abbassiamo lo sguardo», ha twittato invece la sindaca di Roma Virginia Raggi.

(Immagine di copertina: frame da video pubblicato sulla pagina Facebook della trasmissione di Raidue Nemo)