Corea
|

Raffiche di pace in Corea, concluso il summit tra Nord e Sud

La diplomazia ha fatto il suo corso nello storico vertice tra i presidenti delle due Coree Kim Jong-un e Moon Jae-in. La località di Panmunjon, confine al 38° parallelo, ha sancito la reale volontà di pace che scorre sulla via da Pyongyang a Seoul.

LEGGI ANCHE > La diplomazia dei noodles: ecco cosa prevede il menu del summit tra le due Coree

Il dittatore del Nord ha promesso un maggiore impegno sulla via della denuclerizzazione, mentre il presidente del Sud ha dichiarato che “gli occhi e le orecchie del mondo intero sono rivolte a Panmunjom e sento che il peso sulle nostre spalle è grande“.

Il tutto è stato accompagnato da storiche strette di mano, messaggi scritti sul libro della pace e dichiarazioni congiunte che vanno verso un disgelo dello stato di guerra che va avanti da più di 50 anni.

Quali sono i possibili scenare futuri di un’intesa così rapida e perfino inaspettata? Lo spiega il Guardian:

Dopo una partenza a tratti rocciosa e a volte spietata, Kim sembra aver consolidato la sua autorità. Potrebbe ora avere spazio per negoziare. Moon, che ha parte della famiglia nel Nord, potrebbe essere più aperto a un cambiamento della situazione rispetto ad alcuni dei suoi predecessori. Nel portare quel passo nel Sud, diventando il primo leader nordcoreano a farlo, Kim ha infranto un tabù sul riconoscere la divisione del paese che finora ha ostacolato le mosse per concludere un trattato di pace formale. La mancanza di un tale trattato è una ragione per cui la penisola coreana è rimasta grande fonte di tensione. Nell’arco di pochi mesi, Kim sembra aver accettato quasi tutte le concessioni richieste per avere un incontro con Donald Trump. La denuclearizzazione sarà sul tavolo; i test missilistici sono stati sospesi, forse interrotti. Non ci sarà alcuna richiesta per terminare la presenza militare americana nel Sud.